Olanda, il settore chiede l’abolizione dell’IVA sul bio

Abolire l’IVA – attualmente al 9% – sui prodotti biologici per aumentare la domanda dei consumatori e lanciare un’importante campagna pubblicitaria sul significato e sui valori dell’agricoltura biologica. Sono due proposte di un piano in 10 punti che il settore biologico nei Paesi Bassi vuole presentare al ministro dell’Agricoltura Schouten a settembre.

Una strategia messa a punto dall’intero settore dopo che una ricerca di mercato condotta da IRI ha dimostrato che i prodotti biologici nel Paese rappresentano solo il 3,21% degli oltre 40 miliardi di euro spesi nei supermercati l’anno scorso. Si tratta di una cifra appena superiore al 3,19% della quota di mercato dei prodotti biologici nel 2018.

“In questo modo non raggiungeremo l’obiettivo europeo. Entro il 2030 dobbiamo avere una quota di mercato media del 25%. Sono assolutamente necessari ulteriori sforzi”, ha riferito ad un giornale locale Michael Wilde, direttore dell’associazione di categoria Bionext. “Per un sistema agricolo sano, equo e sostenibile, abbiamo bisogno di una politica forte, incentrata sia sul consumo che sulla produzione. Proprio per questo chiediamo quindi ai politici di creare una sorta di task force con noi”.