Giovedì l’incontro online sull’impatto della Farm to Fork sul biologico

Collegamento in diretta da Bruxelles con Eduardo Cuoco, direttore di IFOAM Europa, giovedì 5 novembre mattina, in occasione del secondo incontro online sulla strategia europea From Farm to Fork, incontro dedicato all’impatto della F2F sul biologico.

La nuova linea verde dell’UE prevede una forte accelerazione sul biologico in tutta l’Unione e ciò sta aprendo un vasto e vivace dibattito nelle filiere agricole a partire da quelle ortofrutticole. All’incontro, promosso dalla rivista Corriere Ortofrutticolo, da AREFLH (l’Associazione delle Regione ortofrutticole d’Europa), da SGMarketing e da Fondazione FICO, saranno speaker anche Simona Caselli, economista, presidente di AREFLH, che spiegherà in dettaglio che cosa F2F prevede per il biologico, Raffaello Bernardi, analista di mercato in forza a SGMarketing, che traccerà lo scenario attuale, un rappresentante della produzione, Ernesto Fornari, direttore di Canova e da settembre direttore generale di Apofruit, Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB, che illustrerà il punto di vista dei certificatori. Moderatore sarà Duccio Caccioni, direttore scientifico di Fondazione FICO e autore di una pubblicazione dedicata al biologico.

L’incontro, che gode del supporto di Almaverde Bio, marchio leader del biologico italiano, rientra in un ciclo di 5 incontri online. Il primo, svoltosi giovedì scorso, ha fatto il punto sull’impatto della nuova strategia europea sulla produzione ortofrutticola italiana, con imprenditori che hanno illustrato le loro preoccupazioni e aspettative. Si sono iscritti oltre 410 tra imprenditori, manager e rappresentanti di associazioni, università, organizzazioni agricole, con una media di 292 presenze collegate per l’ora abbondante di trasmissione. L’incontro successivo, giovedì 12 novembre, affronterà il tema delle filiere distributive rispetto alla nuova visione europea per il settore agroalimentare.

L’adesione agli incontri è gratuita ma l’iscrizione è obbligatoria.