Funghi biologici. Varietà esotiche in arrivo dall’Ucraina

La domanda di funghi biologici è in aumento in tutta Europa e l’offerta interna all’UE non è all’altezza della situazione.

Ne stanno approfittando i produttori extra UE e tra questi l’azienda ucraina Nature Green con sede a Koltsovo di Uzhhorod (la provincia più occidentale dell’Ucraina nella regione dei monti Carpazi), certificata bio, e specializzata in funghi Shiitake e da quest’anno in grado di fornire anche altre varietà da ceppi esotici come Shimeji, Lions Mane/Pom-Pom ed Enoki.

L’impianto di produzione dell’azienda produce tra le 12 e le 14 tonnellate di funghi al mese. Secondo l’italiano Vincenzo Salento, direttore delle vendite sul mercato UE, intervistato a fine agosto dall’edizione internazionale di FreshPlaza, l’obiettivo “è di arrivare a raddoppiare la produzione entro la fine di quest’anno. Entro il 2020 raccoglieremo oltre 24 tonnellate al mese di funghi biologici della migliore qualità. Per quel momento, il nostro impianto fornirà oltre 75 posti di lavoro locali e un percorso professionale sostenibile per i nostri dipendenti, volto a sviluppare le loro abilità. Attraverso la dedizione dei nostri dipendenti la società è diventata popolare nei mercati UE interessati ai funghi esotici. Il nostro obiettivo è quello di continuare a incrementare il nostro apprezzamento come partner commerciale affidabile”.

Nella foto, un fungo gigante raccolto nei Carpazi ucraini, una zona ricchissima anche di frutti di bosco, di miele selvatico e di natura selvaggia