Brio cresce all’estero. Germania mercato di riferimento

L’ananas Dolcetto a marchio Alce Nero, frutto di un progetto di cooperazione solidale lanciato da Brio in Togo, è in vendita dal 10 febbraio in Germania nei supermercati Edeka.

La notizia è emersa durante l’incontro di GreenPlanet con Luca Zocca, marketing manager di Brio, avvenuto al Biofach di Norimberga. Brio sta lavorando con le maggiori catene italiane ed europee e questo non è che l’ultimo tassello di un’espansione costante, certamente agevolata dall’accordo del 2011 con Alce Nero per lo sviluppo di una politica di marca sui prodotti freschi ma anche dall’importante crescita della base produttiva in Italia, che dal 2018 ha conosciuto un’espansione significativa nel Sud Italia grazie ad accordi commerciali e di produzione.

Oggi Brio commercializza l’ortofrutta biologica di 443 aziende agricole che operano su 1.690 ettari, per un totale di poco meno di 35 mila tonnellate l’anno.

“Abbiamo richieste crescenti dall’estero – sottolinea Zocca – sia in termini di quantità ma anche in termini di garanzie e di qualità eccellente. Questo è evidente in Germania, che è il nostro primo mercato estero, precedendo la Francia e i Paesi Scandinavi. Qui si richiedono standard elevati ed emerge una sempre maggiore propensione verso i prodotti bio-dinamici a certificazione Demeter”.

“In Italia soprattutto – precisa il manager – il marchio Alce Nero è forte e riconosciuto dal consumatore. In Europa si lavora molto a marchio del distributore. Ma stiamo guardando oltre. Con mele e kiwi stiamo entrando in Sudamerica, dove il Brasile è un grande mercato ma anche un hub per distribuire in altri Paesi. E poi ci sono i Paesi arabi dove il bio sta riscuotendo interesse per cui non possiamo mancare”. (a.f.)