In Val Venosta mele bio raccolte sotto la luna piena

Inserito il 15 settembre, 2017 - 10:59

Ha avuto un avvio singolare la raccolta delle mele biologiche della varietà Gala in Val Venosta. Nel frutteto di Christian Pohl - non solo uno dei 130 coltivatori bio di VI.P Val Venosta ma innanzitutto uno dei più originali sostenitori e pionieri di un’agricoltura naturale nella vallata e in tutto l’Alto Adige - la raccolta delle Gala bio quest’anno è avvenuta nella notte di luna piena tra il 6 e il 7 settembre: ore di raccolta nella notte, con la luna piena che finalmente intorno alle 23 sbucava potente da dietro il Monte Tramontana, irradiando di luce il meleto.


Un evento non nuovo, perché il coltivatore Christian Pohl crede da sempre all’influsso della luna sulla qualità del raccolto e ha anche altre abitudini colturali straordinarie come quella di far ascoltare a queste sue mele, a partire dalla fioritura, buona musica attraverso appositi altoparlanti nel frutteto.
VI.P ha deciso, per la prima volta, di sottolineare la singolarità dell’evento, decidendo di organizzare una distribuzione e una vendita ad hoc, a livello sperimentale e in un comprensorio circoscritto, delle Gala raccolte al chiaro di luna. Da martedì 19 settembre le mele raccolte nella notte del 6 settembre sotto i raggi della luna saranno infatti disponibili in quattro punti vendita dell’insegna Pur Südtirol (a Bolzano, Merano, Brunico e Lana). Nello stesso tempo VI.P ha voluto esserci nella notte del 6, con il suo reparto marketing, insieme anche ad alcuni rappresentanti della cooperativa MIVOR della quale Christian Pohl è socio, per partecipare alla raccolta e festeggiare, a fine raccolta, con la famiglia Pohl e un ristretto numero di ospiti con un rinfresco sotto la luna a base di prodotti tipici dell’Alto Adige, pane uscito dalle mani di Christian, una splendida torta di mele della signora Pohl e, ovviamente, un primo assaggio di queste Gala speciali che colpiscono per fragranza, croccantezza e ricchezza del loro succo, oltre ad essere il risultato di un lavoro speciale.
Sulla raccolta sotto la luna piena Christian dice semplicemente: “La luna trasmette la sua forza alla terra e dalla terra questa forza è trasmessa ai frutti. Con il plenilunio questa forza è al suo massimo ed è l’ideale per raccogliere mele succose e ricche di sostanze”.
Non sono pochi gli studiosi che, in sintonia con antiche usanze e tradizioni, attribuiscono alle fasi lunari un influsso sulla circolazione delle linfe (dal terreno al frutto: la forza di cui parla Christian) e sul fotoperiodismo (che è la durata del periodo di illuminazione giornaliera che aumenta con il chiaro di luna). Usanze e tradizioni dell’agricoltura pre-industriale sono oggi tornate di attualità e ad esse trae ispirazione la nuova agricoltura che recupera un rapporto armonico con la natura per il bene di tutti.

Nella foto, Christian Pohl, secondo da sinistra, posa soddisfatto con la famiglia dopo aver terminato la raccolta notturna delle mele sotto la luna piena