In Sardegna il mare più pulito, nel Lazio il più sporco

Inserito il 28 agosto, 2017 - 10:23

Anno dopo anno cambia poco nei mari italiani, che in alcuni punti restano malati cronici, come li definisce Legambiente in un rapporto presentato l’11 agosto, che riporta i dati raccolti durante la campagna di Goletta Verde, l'imbarcazione dell'associazione ambientalista che analizza campioni delle acque del nostro mare. Su 260 campioni di acqua analizzati in tutta Italia, in più di un terzo, cioè nel 40 per cento, sono state riscontrate cariche batteriche elevate.


Molte tra le nostre regioni hanno problemi nella depurazione delle acque, tanto che l'Italia è agli ultimi posti per la presenza di impianti per filtrare gli scarichi a mare. I litorali di Lazio, Calabria, Campania e Sicilia, inoltre, dopo 5 anni di segnalazioni non hanno migliorato la loro situazione. Altro problema su cui Goletta Verde pone l'accento sono i rifiuti in mare, per il 96 per cento costituito da plastiche e perciò destinato a rimanere a lungo anche in forma di micro-residui. Il viaggio di Goletta Verde ha coperto 7.412 chilometri di costa, alla fine del quale sono stati presentati alle Capitanerie di Porto 11 esposti e segnalati 38 punti critici, per chiedere approfondimenti e interventi sugli scarichi inquinanti che ancora oggi si riversano in mare.
Preoccupa che le situazioni più critiche perdurino in alcune località, concentrate in Lazio, Calabria, Campania e Sicilia, a riprova che nonostante le campagne e le denunce nulla viene fatto. I parametri indagati dalla Goletta sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e i tecnici hanno considerato come inquinati i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia. L'87 per cento dei punti inquinati e fortemente inquinati sono stati rilevati alle foci di fiumi, torrenti, canali, fiumare, fossi o nei pressi di scarichi che si confermano i nemici numero uno del nostro mare. Mentre il 13 per cento sono stati rilevati presso spiagge affollate di turisti. La situazione migliore anche quest'anno in Sardegna, che si distingue con sole 5 situazioni critiche rilevate in corrispondenza di foci di fiumi, fossi e canali. A seguire anche la Puglia registra un buon risultato, confermando la performance dello scorso anno. In alto Adriatico, complice anche la forte siccità che ha colpito queste regioni, riducendo molto le portate di fiumi, fossi e canali che si riversano in mare, le situazioni migliori si riscontrano in Emilia Romagna e Veneto.