Rewe-Bio cresce ma Temma chiude

Inserito il 12 dicembre, 2017 - 10:53

Il marchio Rewe-Bio, che conta 600 articoli, ha fatto registrare una crescita delle vendite del 70% negli ultimi quattro anni. Ma non tutto fila liscio nel comparto biologico del principale gruppo distributivo tedesco che gestisce in Germania 3.000 supermercati. Del Gruppo fa parte infatti Temma, fondata nel 2009 da Christiane Speck, l’insegna specializzata nel biologico operativa con nove punti vendita in Germania.


Rewe considera non sufficientemente remunerativa l’attività di Temma e ha deciso di chiudere sette punti vendita il prossimo gennaio e di cedere i restanti due, entrambi a Colonia, allo stesso Speck, che da manager del gruppo si è messo in proprio. L’esperienza positiva del reparto di gastronomia bio di Temma verrà integrata all’interno di alcuni supermercati generalisti del Gruppo.
Il caso Temma è significativo di una tendenza in atto in diversi Paesi e che in parte coinvolge anche l’Italia. Il boom delle vendite di prodotti biologici coincide con l’apertura al bio della grande distribuzione alimentare mentre i negozi specializzati, di tutte le dimensioni, risentono di tale crescita solo in parte e richiedono una gestione sempre più attenta. Temma infatti chiude in un mercato tedesco che vede crescere il biologico a due cifre un anno sull’altro superando un fatturato globale delle vendite di 10 miliardi di euro nel 2017.