Proposta danese sulle energie rinnovabili

Inserito il 16 giugno, 2012 - 09:00

Energie rinnovabili per abbattere il debito pubblico dei principali Paesi in crisi dell'Unione Europea. È la proposta di un economista danese, Sweder van Wijnbergen, riportata dal quotidiano olandese 'Nrc Handelsblad' che prevede la conversione del debito pubblico in autorizzazioni per la costruzione di impianti di produzione di energia rinnovabile. Secondo i calcoli dell'economista danese, i Paesi a rischio tracollo potrebbero concedere l'autorizzazione a istallare fonti energetiche rinnovabili su una piccolissima percentuale del proprio territorio (1-2%) in modo da poter ricavare una riduzione del 30% del debito pubblico.
 

Tale riduzione è stata calcolata prendendo in considerazione l'inflazione media annua del 2,5 per cento, il profitto di 1,5 centesimi di euro per kiloWattora (tra il 2020 e il 2045) e una produzione annua stimata di 70 GWh per chilometro quadrato.

Ogni Paese, in funzione delle proprie caratteristiche climatiche e morfologia ma soprattutto in funzione del proprio debito, potrebbe riservare quota parte del proprio territorio all'istallazione di pale eoliche o impianti fotovoltaici. La Grecia, ad esempio, considerando un debito pubblico di 210 miliardi di euro dovrebbe concedere una superficie di 2.800 Kmq (pari al 2% del territorio).

La tesi dell'economista Sweder van Wijnbergen ha trovato l'appoggio di Marco Witschge, direttore della fondazione olandese 'Nederland Krijgt Nieuwe Energie' che si occupa di sviluppo sostenibile e di energie rinnovabili. Il direttore Marco Witschge ha, infatti, confermato che attraverso questo sistema da una parte si incrementerebbe il mercato occupazionale e dall'altro si punterebbe su una strategia a lungo termine che trasformerebbe il debito pubblico in un ottimo investimento per il Paese.

Ma se all'esterno le fonti rinnovabili non sono ormai un tabù, in Italia l'Autorità di vigilanza per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG), in occasione dell'Energy Storage Forum, ha sostenuto che le fonti rinnovabili non programmabili contribuiscono ad aumentare o comunque a non far diminuire i prezzi dell'energia.

Duro è stato il commento dell'Associazione produttori di energia da fonti rinnovabili (APER) che ha ricordato che la tesi dell'AEEG è già stata smentita dai dati pubblicati dal GME e che 'spacciare un comportamento speculativo dei produttori termoelettrici nelle ore serali come un effetto negativo delle troppe rinnovabili è quanto di più incorretto si possa affermare'.

'Le fonti rinnovabili sono un'opportunità e non una iattura per il nostro Paese - ha dichiarato Fabrizio Tortora Vicepresidente di APER - fino a quando chi detta le regole non riuscirà a comprendere questo, le fonti rinnovabili in Italia non potranno integrarsi in modo organico in un mercato che è destinato a cambiare e dovrà adeguarsi alle nuove sfide. Rinnoviamo pertanto la disponibilità dell'Associazione a confrontarsi sul tema'. (fonte: Gabriele Binova - LavoriPubblici.it)