Sì alla frutta, no alle merendine per 1.500 studenti di Bologna