I “miracoli” del superpomodo firmato Coldiretti