Federbio sul regolamento europeo: più ombre che luci