Emergenza idrica: la risposta è nel sottosuolo