Di Costanzo (BioItalia): no ai distretti, sì alla filiera