Energie rinnovabili

L'elettricità per l'Europa arriverà dal Sahara

Inserito il 6 gennaio, 2013 - 23:03

Il 19 novembre 2012, il complesso di impianti ad energia rinnovabile di Ouarzazate, sulle colline del Marocco Centrale, sul confine con il Sahara, ha visto realizzarsi le prime installazioni dopo aver ricevuto la prima tranche di fondi: 345 milioni di euro da parte della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e di altri investitori europei.

La somma rappresenta la metà dei fondi necessari alla prima fase di creazione degli impianti solari che raggiungeranno la capacità di 500 megawatts. Parte dell’energia elettrica prodotta sarà poi esportata nel continente europeo. Questo progetto, iniziato da Masen (Agenzia Marocchina per l’Energia Solare) - il primo del suo genere ad emergere nel Nord Africa - ha permesso l’attuazione di iniziative ambiziose per fare uscire per la prima volta l’energia rinnovabile dall’ombra. [...]

La Francia vuole recuperare sul solare

Inserito il 8 gennaio, 2013 - 12:51

La Francia raddoppierà la capacità di energia prodotta con pannelli fotovoltaici e offre più supporto finanziario alle piccole aziende che utilizzano pannelli solari costruiti in Europa, per salvare la sofferente industria solare del Paese. Il ministro per l’energia, Delphine Batho, ha annunciato queste misure, che dovrebbero stimolare investimenti per 2,6 miliardi di euro, durante una visita ad una fabbrica di pannelli solari nell’ovest della Francia.

Il governo francese spera di salvare un’attività che ha perso circa 15 mila posti di lavoro negli ultimi due anni, dopo che il precedente governo conservatore aveva cercato di mitigare la bolla speculativa creatasi attorno alle nuove installazioni di energia solare. Nel 2012 il settore ha dato lavoro a 18 mila persone rispetto alle 32.500 del 2010. [...]

Il Marocco chiede il coinvolgimento italiano

Inserito il 7 gennaio, 2013 - 17:27

Anche l'Italia, con le sue aziende di settore e i suoi tecnici, può entrare nella partita dell'energia solare ed eolica in Nordafrica e nel Sahara. Lo afferma Ilias Hamdouch, manager del MASEN, l’Agenzia Marocchina per l’Energia Solare. Hamdouch precisa che il Marocco presenta vaste aree con una irradiazione solare doppia rispetto alla media europea e punta in maniera decisa sulla risorsa solare, proponendosi di sviluppare un tessuto imprenditoriale di settore competitivo, massimizzando le conoscenze tecnologiche delle aziende locali. [...]

A Roma la 'casa intelligente' dell'ENEA

Inserito il 6 luglio, 2012 - 13:40

L'ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) e la Provincia di Roma hanno siglato un protocollo d'intesa per la formazione professionale in campo energetico. Obiettivo dell’accordo è di formare nuove figure professionali nel settore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, offrendo l’opportunità di una certificazione in linea con gli standard europei. Questa certificazione punta a favorire la crescita delle industrie del settore delle energie rinnovabili, migliorare la qualità dei servizi offerti e la garanzia per gli utenti finali.
  [...]

Le biomasse risorsa per l'agricoltura

Inserito il 3 luglio, 2012 - 21:15

Il rapporto sulle agroenergie è stato presentato dalla CIA (la Confederazione italiana dell'agricoltura) alla VI Conferenza economica a Lecce. Le potenzialità di biomasse e biogas sono enormi: strategiche per lo sviluppo della nuova politica energetica nazionale, possono incrementare il Pil agricolo di 5 punti e accrescere la competitività delle imprese. Con vantaggi economici e ambientali: un risparmio di costi stimato in 20 miliardi di euro e un taglio netto alle emissioni di Co2. Ma servono politiche mirate e lungimiranti nonché dirette a una maggiore integrazione con il food.

Venti, venti, venti. Quando si parla di rinnovabili sono questi i numeri da ricordare. Perché, come chiede l’Europa, entro il 2020 bisognerà ridurre del 20 per cento le emissioni inquinanti e aumentare del 20 per cento la produzione di energia alternativa. [...]

Le straordinarie potenzialità dell'energia solare

Inserito il 15 aprile, 2012 - 13:01

L’Italia è il secondo paese al mondo per importazione di energia e circa il 74% del nostro fabbisogno proviene da centrali alimentate da combustibili fossili come il petrolio, gas naturali e carbone, formati da corpi di organismi vissuti milioni di anni fa grazie al sole. Tali spropositati consumi generano danni irreversibili al nostro pianeta e quindi ognuno di noi deve procurarsi la propria energia da una sorgente pura e praticamente illimitata come il sole.

L’energia solare, termica o elettrica, prodotta sfruttando direttamente l’energia irraggiata dal Sole verso la Terra, è solo una piccolissima parte di quella che arriva sulla terra. La quantità di energia solare che arriva sul suolo terrestre è enorme, circa 10 mila volte superiore a tutta l'energia usata dall'umanità nel suo complesso. [...]

L'energia rInnovabile al 15,7% nel 2030

Inserito il 6 febbraio, 2012 - 10:34

Bloomberg New Energy Finance ha pubblicato il Global Outlook Renewable Energy Market, ricerca che presenta le ultime previsioni sulle dimensioni del mercato mondiale delle energie rinnovabili nel prossimo ventennio, ossia fino al 2030.

Il gruppo di 65 esperti che ha curato questa pubblicazione, ha preso in considerazione i trend di tutte le principali tecnologie energetiche giungendo alla conclusione che l'investimento annuale in fonti di produzione di energia rinnovabile più che raddoppierà da qui a vent'anni, aumentando dai circa 200 miliardi di dollari del 2010 fino ai 460 del 2030. L'analisi è quindi moderatamente ottimista, nonostante la sfavorevole congiuntura economica e finanziaria attraversata dall'Europa. [...]

Clini vuole revisionare gli incentivi

Inserito il 25 novembre, 2011 - 13:34

Il ministro dell’Ambiente Corrado Clini sta preparando la completa revisione degli incentivi alle energie rinnovabili. Durante la sua prima seduta in Senato ha affermato che 'la revisione del sistema degli incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili è un tema che deve essere affrontato e risolto prima della fine dell’anno'. Il ministro ha anche detto che il tema dell'energia è 'urgente e l’Italia è già in ritardo. C’è quindi la necessità di riorientare il sistema di incentivi per creare valore aggiunto e anche per fare in modo che le imprese italiane che operano nel settore delle fonti rinnovabili possano avere un ruolo importante nella competizione internazionale, diventando esportatrici di tecnologia'. [...]

A Forlì la ricerca applicata Hera

Inserito il 22 novembre, 2011 - 20:39

Si chiamerà HLab e molte delle informazioni che contano sulle energie di domani usciranno da lì.
La sua realizzazione, presso la sede Hera di via Balzella a Forlì, è partita questa settimana e se ne prevede la conclusione entro il 2012. HLab sarà il laboratorio per l’energia del Gruppo Hera, vale a dire la struttura in cui la multiutility (prima in Italia a sviluppare un’iniziativa del genere) effettuerà ricerca applicata sulle fonti energetiche rinnovabili e alternative, il cui sviluppo appare sempre più determinante per assicurare al pianeta un futuro sostenibile. La ricerca riguarderà le tecnologie di produzione e utilizzo che nel tempo saranno ritenute di interesse. Inizialmente il laboratorio avrà 2 sezioni: una dedicata al fotovoltaico e una dedicata all’idrogeno. [...]

La Francia non lascia il nucleare

Inserito il 11 novembre, 2011 - 17:38

In Francia è difficile immaginare una scelta come quella di Angela Merkel , cioè la decisione di uscire dal nucleare. Sarkozy è favorevole all’atomo e nel Partito socialista Martine Aubry avrebbe voluto proclamare la fine dell’energia nucleare come obiettivo a lungo termine ma François Hollande parla di una riduzione di un terzo entro il 2025. Un dibattito da cui la lobby nucleare sembrava lontana. Ma oggi, con un forum sul Parisien, Edf è scesa in campo per attaccare chiunque cerchi di mettere in dubbio la bontà del nucleare.

Henri Proglio, presidente e amministratore delegato dell’ente elettrico, ha deciso di scendere in campo contro gli anti-nucleari. La Francia è un paese particolare. [...]

Condividi contenuti