Eco-sostenibilità

OGM: stop anche in Francia, resistono in Spagna

Inserito il 15 maggio, 2014 - 12:11

Il Parlamento francese ha approvato definitivamente la proposta di legge che vieta la coltivazione di varietà di mais geneticamente modificato e prevede la possibilità di ordinarne la distruzione in caso di mancato rispetto del provvedimento.

Il Consiglio di Stato d’oltralpe ha respinto le richieste di una sospensiva urgente del decreto governativo del 14 aprile che vieta la coltivazione del mais mon810 della Monsanto perché i giudici francesi hanno ritenuto che i ricorrenti non abbiano giustificato l'urgenza della sospensiva e che il decreto 'non comporta un problema grave ed immediato per la situazione economica'. [...]

Pesce biologico nel Delta del Po

Inserito il 9 maggio, 2014 - 17:23

Orate, branzini, anguille, ma anche boseghe, mecciati, cefali, latterini, gamberi e govi: tutti allevati nelle acque vallive del Parco del Delta del Po, nel pieno rispetto dell’ambiente e della sicurezza alimentare. A tal punto da potersi fregiare, primo caso in Italia, del marchio di certificazione bio, rilasciato dall’organismo di controllo CCPB di Bologna che si aggiunge a quello Qualità controllata della Regione Emilia-Romagna, certificato dalla stessa società.

'Questo prodotto può rappresentare un’alternativa di elevata qualità a un pescato che come sappiamo è in calo, rianimando un mercato ittico in difficoltà e compensando almeno in parte la nostra dipendenza dall’estero. [...]

Boschi urbani, uno studio in Lombardia

Inserito il 19 marzo, 2014 - 09:21

Ogni cittadino lombardo che abita in un comune urbano ha a disposizione 161 metri quadrati di bosco, poco più della metà di un campo da tennis. Una quantità di verde che purtroppo ad oggi non è rapportabile ad altre regioni, si legge nell’inventario delle foreste urbane e periurbane della Lombardia, portato a termine dal progetto “EMoNFUr -Establishing a Moitoring Network to assess lowland Forest and Urban plantation status in Lombardy Region and Slovenian” (LIFE+ 10 ENV/IT/399)”, il primo ad essere redatto in Italia.

Dall'inventario emerge che è soprattutto nelle aree di pianura che la presenza delle foreste urbane all'interno dei comuni lombardi è decisamente non adeguata rispetto alle necessità di equilibrio ecologico del territorio, di qualità della vita e benessere delle popolazioni. Le foreste urbane infatti - i boschi che risultano in prossimità dei centri urbani e ne subiscono l’influenza - rappresentano per molti cittadini la più immediata possibilità di contatto con la natura e sono importanti risorse capaci di influire sul clima delle città, sul mantenimento degli ecosistemi naturali, sulla qualità della vita e sul benessere di moltissime persone. [...]

Rifiuti o riutilizzabili? Ci pensa ‘Cambia il finale'

Inserito il 9 marzo, 2014 - 12:34

Dove mettiamo il vecchio armadio? Oppure la credenza della nonna? O il frigo ancora funzionante? E’ partito il 7 marzo ‘Cambia il finale’, nuovo servizio del gruppo Hera, realizzato in collaborazione con Last Minute Market (l’iniziativa creata a Bologna dal prof. Andrea Segré) ed enti no profit del territorio, per dare nuova vita agli oggetti ancora utilizzabili e favorire un virtuoso e solidale circuito del riuso, con l’impiego anche di persone svantaggiate. [...]

Greenpeace: minacciati tigre di Sumatra e orango

Inserito il 1 marzo, 2014 - 09:04

La multinazionale Procter & Gamble (P&G) acquista olio di palma da aziende responsabili della deforestazione in Indonesia, rendendo così i consumatori complici inconsapevoli della distruzione dell’habitat della tigre di Sumatra e dell’orango, entrambe specie minacciate di estinzione.

Lo denuncia, dopo un anno di indagini, Greenpeace International, che rivela come le attuali politiche di approvvigionamento di olio di palma di P&G siano collegate a fenomeni come la conversione di foreste torbiere ed incendi forestali in Indonesia. [...]

Viticoltore bio francese rischia il carcere

Inserito il 25 febbraio, 2014 - 12:37

In Francia la storia l’ha raccontata Le Monde. In Italia la notizia è stata ripresa da www.agoravox.it. A prima vista, è una storia assurda, invece è quanto mai attuale, drammaticamente attuale perché la battaglia tra l’agricoltura bio, i parassiti infestanti e le leggi è qualcosa di estremamente serio. In Francia un viticoltore bio è finito in tribunale perché non ha voluti usare pesticidi.

E’ successo a Emmanuel Giboulot, un viticoltore della Borgogna che lunedì 24 febbraio, si è dovuto presentare in tribunale a Digione. La sentenza è attesa per le prossime settimane.  [...]

Piccoli mostri nell’armadio: Burberry non c'è

Inserito il 30 gennaio, 2014 - 09:54

Il marchio britannico di abbigliamento Burberry si è impegnato il 29 gennaio con Greenpeace e con tutti i propri consumatori a eliminare le sostanze chimiche pericolose dai propri prodotti. La decisione arriva dopo due settimane di pressione da parte dei consumatori in tutto il mondo, da Pechino a Roma a Città del Messico, sia attraverso i social media che con iniziative dei volontari di Greenpeace. [...]

Nasce la moda green made in Sicily

Inserito il 23 gennaio, 2014 - 14:31

Moda, stile ed eco-sostenibilità. Questi gli ingredienti di 'Cum Laude', il fashion brand made in Sicilia, che intende portare alla ribalta una terra, culla di storia, arte e cultura, ma spesso etichettata, nel mondo, per storie di malaffare. Non a caso l’espressione latina 'con lode', che mira a porre enfasi sulla pregiata qualità della manifattura italiana.

Dopo aver fatto tappa a Tokyo, Yokohama, San Francisco, Silicon Valley, Melbourn, Curitiba, Iloilo (Filippine), Creta, Lisbona e Roma, anche se solo in un progetto fotografico, il marchio fondato da Ezio Lauricella, 28enne originario della provincia di Agrigento, omaggia il proprio Paese, programmando le riprese per la collezione estiva 2014 ai Faraglioni di Scopello (Sicilia), set del celebre film americano 'Ocean Twelve'. [...]

Riscoprire gli alberi, aiutano l'agricoltura

Inserito il 17 novembre, 2013 - 18:55

E’ il periodo del cosiddetto 'foliage'. Il colore delle foglie delle alberature vira dal verde al rosso, un incanto nei boschi, lungo le strade, nei campi! Possiamo pensare ad un paesaggio, come quello di pianura, senza alberi? Possiamo pensare ad un’agricoltura senza querce, pioppi, frassini, aceri, eccetera?
  [...]

Kyoto Club: soluzioni all'inquinamento da traffico

Inserito il 13 novembre, 2013 - 16:12

Le nostre città sono responsabili del 45% dei consumi energetici e del 50% dell’inquinamento atmosferico. Il 50% della popolazione mondiale vive nei centri urbani, che ogni anno accolgono 60 milioni di persone, e si stima che entro la metà del secolo più dei due terzi dell’umanità vivrà nelle città. 
  [...]

Condividi contenuti