Eco-sostenibilità

Venezia: troppe alghe uccidono la Laguna

Inserito il 6 agosto, 2013 - 10:27

Di che cosa sono morti le migliaia di pesci che galleggiano senza vita nella laguna di Venezia, dopo una lunga e penosa agonia? Secondo quanto riportato dai giornali, la proliferazione e successiva decomposizione delle alghe ha provocato una carenza di ossigeno nelle acque e il conseguente soffocamento dei pesci; questo fenomeno ha visto sì come causa scatenante le intense precipitazioni prima e l’aumento di temperatura poi, ma il problema di base, come ribadito dalle fonti citate dai vari quotidiani, rimane il livello troppo alto di composti a base di azoto e fosforo, che da decenni le imprese e le aziende agricole riversano in laguna e che funzionano da fertilizzante per le alghe.
  [...]

In Italia edilizia pubblica da riformare

Inserito il 20 giugno, 2013 - 10:49

Il 63% del totale del patrimonio edilizio pubblico italiano (45.000 edifici scolastici, 20.000 immobili demaniali, 7.500 presìdi extra ospedalieri + 1.300 ospedali, più di 13mila edifici per uffici) ha più di 35 anni; il consumo annuo per unità di superficie (circa 250 kWh/m2a) è nettamente superiore alla media di quello degli altri paesi europei (stima Brita PuBs) e i consumi energetici generano una spesa annua complessiva pari a oltre 4.500 milioni di euro (seconda una stima Consip). [...]

Le balenottere svernano in Sardegna

Inserito il 6 giugno, 2013 - 09:15

Presentato a Roma, durante il 44° convegno della Società Italiana di Biologia Marina, uno studio sulla presenza di balenottere in Sardegna, nelle Bocche di Bonifacio, nella stagione invernale. La ricerca, che ha lo scopo di verificare la presenza di cetacei nel Tirreno centrale, tra Civitavecchia e la Sardegna, si svolge durante tutto il corso dell’anno ed utilizza i traghetti di linea come punti dai quali compiere le osservazioni. [...]

Amazzonia a rischio industrializzazione

Inserito il 6 giugno, 2013 - 09:01

In Brasile dallo scorso lunedì 27 maggio ancora una volta un gruppo di circa 170 persone, appartenenti a diversi popoli indigeni, ha occupato un cantiere per la diga di Belo Monte. I rappresentanti indigeni intendono bloccare i lavori finché non verranno consultati in modo corretto e nel rispetto della Convenzione ILO 169 relativamente al mega-progetto di Belo Monte sul loro territorio. Poiché le loro richieste finora sono state ignorate, essi chiedono un incontro diretto con la presidente brasiliana Dilma Rousseff. Gli Indigeni temono l'industrializzazione dell'Amazzonia e delle loro terre in seguito alle apposite leggi appena votate in Parlamento. [...]

Depurazione insufficiente, mare a rischio in Calabria

Inserito il 21 aprile, 2013 - 11:40

Un dossier sullo stato della depurazione in Calabria per mettere fine allo scempio che da decenni tiene in ostaggio il mare calabrese. Con il Rapporto 2013, Legambiente Calabria torna sul tema che ha scatenato furibonde polemiche nell’estate scorsa, all’indomani della presentazione dei dati di Goletta Verde sulla salute del mare calabrese, e lo fa per denunciare assenze e ritardi nella gestione della depurazione.
  [...]

Concorso Ecor: 'Coltiva i Bio Pensieri'

Inserito il 20 marzo, 2013 - 09:30

Partirà il 4 aprile il nuovo concorso 'Coltiva i Bio Pensieri' di Ecor, che permetterà di vincere, sensibilizzando il pubblico sull'importanza dei gesti quotidiani nel proprio stile di vita: un piccolo gesto può portare con sé un segnale di cambiamento. Tutti possono dare il loro contributo con buone azioni verso la Terra.
Per partecipare è facile, basta iscriversi accedendo all’indirizzo partecipa.ecor.it seguendo due diverse modalità, da utente partecipante o da utente votante. L’utente partecipante ha anche la possibilità di votare, mentre l’utente che si iscrive in prima battuta come votante, potrà integrare la sua iscrizione in ogni momento per poter partecipare e inviare il suo pensiero bio. [...]

Valfrutta 'scopre' l'educazione ambientale

Inserito il 5 marzo, 2013 - 09:13

Per Valfrutta anche il gioco dei bambini è una cosa seria quando l’obiettivo è educare al rispetto ambientale, all’ecologia e alla conoscenza della natura. Per insegnare giocando e preparare le nuove generazioni al giusto consumo di frutta sana e di qualità, Valfrutta, marchio di Conserve Italia, azienda leader nel settore dei succhi e delle bevande a base di frutta – lancia una nuova promozione.

Un progetto con alla base un valore ecologico-sociale rivolta a famiglie con bambini. Fino al 31 agosto tutte le confezioni dei succhi di frutta Valfrutta in brik (3x200ml e 6x200ml) avranno nella parte interna dei cluster i 'cartoni animati' di 'Gioca e fai con la Tribù dei Piedi Verdi' con i quali i bambini possono divertirsi imparando molte cose interessanti sulla natura, l’ambiente, la frutta e i vegetali.
  [...]

OGM, 2012 anno record, Africa sotto attacco

Inserito il 27 febbraio, 2013 - 01:16

Il 2012 è stato un anno record per l'incremento delle superfici di OGM a livello mondiale. ISAA (International Service for the Acquisition of Agri-Biotech Applications) ha presentato il suo studio annuale di colture OGM in tutto il mondo. Nel 2012 ben 170,3 milioni di ettari sono risultati coltivati con colture OGM, con un incremento di 10,3 milioni di ettari rispetto al 2011. Ne ha dato notizia, in questi giorni, l'agenzia Agence Ecofin Com.
  [...]

CO2: va rivisto il sistema europeo ETS

Inserito il 23 febbraio, 2013 - 10:43

Come dovrà essere riformato il sistema europeo per lo scambio delle quote di emissione, conosciuto come ETS (Emissions Trading System)? Il meccanismo si sta dimostrando da alcuni anni inefficace con un prezzo della CO2 in picchiata per eccesso di offerta di quote che negli ultimi mesi ha raggiunto i suoi minimi storici (circa 3 euro/tonnellata CO2), addirittura dimezzandosi dalla fine di ottobre. Sulle cause di questa debacle e sulle necessarie rimodulazioni del meccanismo, anche nell’ambito delle strategie nazionali su clima ed energia, si è parlato nei giorni scorsi a Roma nel corso del workshop 'Riforma del sistema europeo per lo scambio di quote di emissione', organizzato da Kyoto Club in collaborazione con il GSE. [...]

Mele Val Venosta a basso impatto ambientale

Inserito il 21 febbraio, 2013 - 10:06

In Val Venosta, la dedizione e la cura nella coltivazione delle mele va di pari passo all’amore per l’ambiente. Il contributo di VI.P al mantenimento di una natura incontaminata, uno dei cardini della filosofia del marchio venostano, traspare sempre di più - si legge in una nota del consorzio - dall’adozione di fonti energetiche pulite e rinnovabili: tutte le cooperative della Val Venosta associate VI.P si sono dotate di un impianto fotovoltaico che attualmente aiuta loro a risparmiare una grande parte dell’energia impiegata per lo stoccaggio delle mele. In totale si tratta di impianti fotovoltaici che sono in grado di produrre energie pulite e rinnovabili per un totale di 7,8 milioni di kWh all’anno, riducendo le emissioni di CO2 di circa 4.680 tonnellate. [...]

Condividi contenuti