Eco-sostenibilità

Le rinnovabili nei Paesi poveri: tema sul tappeto

Inserito il 26 novembre, 2012 - 11:57

Il 22 e 23 novembre si è svolto nell'aula magna del Politecnico di Milano un convegno internazionale su Energia e sostenibilità nei Paesi in via di sviluppo. In certi luoghi del mondo, una semplice lampadina accesa è un forte discrimine tra miseria e povertà, un po’ più di energia diventa un elemento chiave per migliorare la dignità della vita…un poco di più ancora offre una straordinaria opportunità di sviluppo sociale.

Il tema dell’accesso all’energia e delle politiche per la sua gestione è stato al centro dell'attenzione. La due giorni è stata voluta dal Politecnico di Milano assieme a UNIDO e ICS UNIDO e ha avuto lo scopo di individuare modelli di sviluppo energetico sostenibile che rientrino in un approccio globale alla gestione delle risorse fondamentali: acqua, cibo e, appunto, energia. [...]

A confronto i colossi dell'elettronica

Inserito il 25 novembre, 2012 - 23:27

Ogni anno centinaia di migliaia di vecchi computer e cellulari vengono smaltiti nelle discariche o negli inceneritori. Migliaia di rifiuti elettronici prodotti in Europa, Stati Uniti, Giappone vengono anche esportati, spesso illegalmente, in Asia e Africa. In questi paesi i lavoratori, anche giovanissimi, toccano a mani nude i rifiuti, esponendosi a un cocktail di composti tossici e veleni.

L’attuale tasso di crescita degli scarti tecnologici creerà una crisi di grandi proporzioni a meno che i produttori non si impegnino in maniera adeguata. La produzione di prodotti privi di sostanze pericolose, durevoli, in grado di essere migliorati, riciclati o smaltiti in correttezza è possibile. E consentirebbe un fine vita dei prodotti di consumo senza pericoli per nessuno. Neanche per i più poveri. [...]

Da New York gli oggetti che si mangiano

Inserito il 25 novembre, 2012 - 23:12

Victor Vetterlein, designer di New York, ha inventato 'Bite Me Lamp', la lampada che si morde. Si tratta di una lampada da scrivania, la cui vera novità, che certamente coinvolge anche il design, è nei materiali di cui è costituita. La lampada è prodotta con materiali vegetali e di agar-agar, un materiale gelificante estratto dalle alghe. La lampada 'Bite Me' è disponibile in quattro colori e in quattro differenti sapori: arancio, mirtillo, ciliegia e mela.

Infatti dopo un adeguato trattamento di lavaggio in acqua, la lampada diventa commestibile, acquisendo la consistenza di un chewing-gum da masticare. E' un perfetto esempio - dicono gli esperti - di design naturale e anche multi-funzionale, perchè oltre ad illuminare l'ambiente, la lampada può anche soddisfare le richieste dell'appetito, anche se in un modo eterodosso e non proprio in linea con le grandi tendenze del mangiare sano. [...]

Un'azienda italiana su 4 si converte al green

Inserito il 6 novembre, 2012 - 10:56

Le imprese italiane scoprono la green economy. Quasi una su 4 punta sull'economia compatibile, soluzioni green ed energie rinnovabili per superare la crisi. Il 38,2% delle assunzioni sono in settori 'verdi' dell'economia.

Lo afferma il rapporto 'Green Italy 2012' di Unioncamere e Fondazione Symbola realizzato con il patrocinio dei ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico. Secondo il rapporto è in corso una riconversione nei comparti produttivi più diversi, dalla chimica alla farmaceutica all'high-tech, dall'agro-alimentare all'industria tessile e all'edilizia, dai servizi all'energia. [...]

I progetti per una Siena green

Inserito il 4 novembre, 2012 - 16:49

Risparmio delle risorse energetiche, turismo ecocompatibile e produzioni di qualità da filiera corta come motori dell'economia in tempi di crisi. Questi i temi al centro del progetto 'Terre di Siena Green', promosso dalla Provincia di Siena. Una sorta di patto che coinvolge istituzioni, imprese, cittadini e ospiti e mette in campo tre circuiti: Terre di Siena Carbon Free, Terre di Siena Filiera Corta e Terre di Siena Ospiti di Valore.

Gli operatori locali che operano nella ricettività turistica, nella ristorazione, nell'artigianato, nel commercio, nell'agricoltura, nei servizi e nel manifatturiero possono scegliere di aderire a uno o più circuiti, ottenendo i marchi di qualità 'Ospiti di valore' per l'accoglienza turistica; 'Siena Carbon Free' per l'abbattimento delle emissioni di Co2 e 'Filiera corta', per le produzioni agroalimentari di qualità. Ad oggi sono 124 le aziende del territorio che hanno aderito. [...]

Solo 'energia pulita' per i dolci Paluani

Inserito il 4 novembre, 2012 - 12:20

Il gruppo alimentare veronese Paluani, controllato dalle famiglie Cardi e Cordioli, ha ricevuto la certificazione '100% energia pulita'. Il gruppo ha deciso di intraprendere un percorso verso la sostenibilità ambientale, certificando tutti i suoi consumi di energia elettrica legati alla produzione natalizia grazie alle forniture di Multiutility (gruppo Dolomiti Energia) che si avvale esclusivamente di fonti rinnovabili dalle centrali elettriche site sulle Dolomiti.
  [...]

Rifiuti come risorsa, a Tarquinia ci si prova

Inserito il 28 ottobre, 2012 - 08:48

I rifiuti sono la risorsa del nostro futuro, e non devono più essere considerati come un problema, ma come un’opportunità economica e sociale sia per i cittadini sia per lo sviluppo del Paese. Questo in sintesi il concetto emerso nel corso del convegno 'Rifiuti risorsa del futuro: nuove soluzioni del riciclo', tenutosi a Tarquinia il 19 ottobre, organizzato dal Consorzio Pellicano - attivo nell’ambito dei servizi e sistemi per la raccolta differenziata - e da CARPI (Consorzio autonomo riciclo plastica Italia), che opera nell’ambito della raccolta, del riciclo e della produzione di materie plastiche provenienti da superficie privata, in collaborazione con il Comune di Tarquinia.
  [...]

IKEA, un esempio virtuoso, da seguire

Inserito il 28 ottobre, 2012 - 08:39

Il consumo energetico di IKEA, il più grande rivenditore di mobili al mondo, sarà garantito al 100 per cento dalle energie rinnovabili. La multinazionale svedese, entro il 2020, intende infatti alimentare con energia pulita i suoi magazzini sparsi in tutto il mondo.

Il progetto è contenuto nella strategia di sostenibilità aziendale. Ikea già possiede parchi eolici in sei nazioni europee per 180 MW e ha 342mila pannelli solari installati sui tetti dei propri stores e fabbriche, che assicurano il 27% dell'energia elettrica necessaria. Ma IKEA va oltre e ha pianificato di raddoppiare gli investimenti in energia solare ed eolica previsti dal piano 2009-2015, che saliranno a quota 1,5 miliardi di euro, così da soddisfare almeno il 70% dell'energia richiesta dal gruppo. [...]

Efficienza energetica: l'ambasciata USA 'insegna'

Inserito il 26 ottobre, 2012 - 11:48

E' in corso una rivoluzione globale del settore delle costruzioni che va di pari passo con i temi della sostenibilità e dell'efficienza energetica. Un terzo dei consumi energetici riguardano gli edifici, inevitabile quindi partire proprio da qui se si vogliono raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di Co2 e di risparmio energetico. Che il settore stia cambiando lo testimonia la corsa al Leed, il sistema riconosciuto a livello internazionale di certificazione e classificiazione dell'efficienza energetica e dell'impronta ecologica degli edifici, dal risparmio idrico a quello energetico, dal sito ai materiali e le risorse fino alla qualità ambientale.
  [...]

Efficienza energetica: assegnati i 'Think Green'

Inserito il 21 ottobre, 2012 - 13:02

Oltre 120 partecipanti hanno affollato la Sala Capitolare del Senato a Roma, nell’ambito del convegno 'Il miglioramento dell’efficienza energetica nel terziario alla luce dell’evoluzione normativa europea' organizzato da Kyoto Club e Schneider Electric, lo specialista globale nella gestione dell’energia, in collaborazione con EnSiEL, Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Energia e Sistemi Elettrici.

Chairman del convegno, Francesco Ferrante della Commissione Ambiente, Territorio e Beni Ambientali del Senato e Vice Presidente di Kyoto Club che ha aperto i lavori sottolineando la centralità del tema dell’efficienza energetica anche a livello di dibattito politico.
  [...]

Condividi contenuti