Eco-sostenibilità

L'Europa stoppa l'uso delle borse di plastica

Inserito il 5 novembre, 2013 - 10:10

La Commissione europea ha adottato oggi, 4 novembre, una proposta di legge che obbliga gli Stati membri a ridurre l'uso delle borse di plastica in materiale leggero. Saranno gli Stati a decidere come farlo: facendole pagare, stabilendo obiettivi nazionali di riduzione, vietandole a determinate condizioni oppure in altri modi che riterranno più adatti. Per lo più utilizzate una volta sola, le borse di plastica leggere possono però resistere nell'ambiente centinaia di anni, spesso sotto forma di microparticelle i cui effetti dannosi sono noti, soprattutto per l'ambiente marino.
  [...]

In video Maria Desiante e il suo grano vero

Inserito il 24 ottobre, 2013 - 17:00

Maria Desiante, quarta storia di Cibo Vero per i nostri follower dopo quella di Arturo Santini, Riccardo Felicetti e Francesco Panella. Quello che trovate in home-page è infatti il quarto di una serie di video che GreenPlanet pubblica in collaborazione con Alce Nero.
  [...]

Agrofarmaci in Europa, meglio uniformare i divieti

Inserito il 24 ottobre, 2013 - 16:33

Non c’è uniformità in Europa sulle autorizzazioni all’utilizzo di agrofarmaci per la coltivazione dei prodotti agricoli. Mentre in alcuni Paesi l’utilizzo di alcune sostanze attive è consentito, in situazioni di emergenza e per alcuni periodi, in Italia le autorizzazioni vengono invece negate o rilasciate con estrema lentezza. Ne deriva una situazione di forte disparità tra i produttori italiani e i principali competitor, che risultano di fatto avvantaggiati da una situazione di concorrenza commerciale sleale. [...]

Intesa tra i bio-distretti del Cilento e Biovallée

Inserito il 20 ottobre, 2013 - 22:03

Il 10 ottobre è stato firmato un accordo tra il bio-distretto del Cilento e il bio-distretto Biovallée del dipartimento francese della Drome. Un'intesa di tipo culturale, sociale e commerciale che porterà benefici agli operatori agricoli, turistici e ambientali delle due aree coinvolte nell'iniziativa. In prospettiva l'operazione si configura come un passo concreto verso il costituendo network internazionale dei bio-distretti euro-mediterranei. [...]

Aria inquinata. La CIA: serve più verde

Inserito il 17 ottobre, 2013 - 08:25

 Nell'Unione Europea oltre 9 persone su 10 che vivono in città sono costrette a respirare un’aria con una quantità di inquinanti che supera le soglie suggerite dall’Organizzazione mondiale della sanità. E l’Italia, in particolare il Nord, risulta essere tra le zone più colpite, soprattutto per i livelli problematici di ozono. Per questo serve più agricoltura: aumentare gli spazi verdi nei centri urbani e nelle aree periurbane contribuisce a ridurre smog e inquinamento. Lo afferma la CIA (Confederazione italiana agricoltori), commentando il rapporto dell’Agenzia europea dell’Ambiente (EEA) diffuso il 15 ottobre. [...]

Un invito a proporre un'azione per ridurre i rifiuti

Inserito il 17 ottobre, 2013 - 08:16

Mercoledì 30 ottobre: è questo l’ultimo giorno in cui sarà possibile inviare la propria adesione alla quinta edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, che si terrà dal 16 al 24 novembre 2013. Le iscrizioni, aperte dal Comitato promotore nazionale, (Ministero dell’Ambiente, Federambiente, Rifiuti 21 Network, Provincia di Torino, Provincia di Roma, Legambiente, AICA, E.R.I.C.A. Soc. Coop., Eco dalle Città), ad inizio settembre, si chiuderanno infatti a fine ottobre. [...]

Il rischio degli insetti geneticamente modificati

Inserito il 10 ottobre, 2013 - 13:19

La Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica (FIRAB), insieme ad altre organizzazioni ambientaliste e della società civile dei cinque continenti, tra cui ETC Group, Food and Water Europe, Friends of the Earth Spain, Friends of the Earth US, Gene Ethics (Australia), GeneWatch UK, MADGE Australia Inc., RALLT (La Red Por una América Latina Libre de Transgénicos), Third World Network lancia l'allarme sul rischio che numerosi esemplari transgenici di mosca dell'olivo vengano immessi nell'ambiente in oliveti spagnoli. [...]

Alto Adige, modello territoriale che funziona

Inserito il 2 ottobre, 2013 - 15:45

Un perfetto mix di solide tradizioni culturali, regole amministrative e promozione turistica. Questo il segreto del successo dell’agricoltura in Alto Adige secondo il prof. Massimo Tagliavini, ordinario di Coltivazioni Arboree e Preside della Facoltà di Scienze e Tecnologie della Libera Università di Bolzano. Non si può negare, infatti, che oggi la provincia autonoma di Bolzano sia conosciuta in tutto il mondo per le mele, i prodotti caseari e i vini, con marchi che sono sinonimo di qualità e spesso sono certificati come biologici. [...]

Lunigiana: cinghiali contro mele. Protesta Coldiretti

Inserito il 27 settembre, 2013 - 09:46

I cinghiali minaccerebbero il futuro di preziose e rare varietà autoctone della Lunigiana. Lo afferma la Coldiretti locale. Ci sono mele e mele, viti e viti, ma di mela rotella di Paghezzana o della mela dall’Olio, così come del 'pollera' o del 'marinello' parlando di vitigni non ce ne sono poi mica così tanti ancora per campi e terrazzamenti: 'specie' di una storia agricola in via di estinzione. La fauna selvatica sta mettendo a dura prova la loro resistenza vanificando sforzi ed investimenti degli agricoltori che - afferma Coldiretti - con passione li hanno valorizzati e riportati sulle nostre tavole. [...]

Azione UE contro l'Italia per l'Ilva di Taranto

Inserito il 27 settembre, 2013 - 09:19

La Commissione europea ha deciso di avviare un'azione contro l'Italia per ridurre l'impatto ambientale dell'acciaieria ILVA di Taranto, il più grande stabilimento siderurgico europeo. In seguito a diverse denunce provenienti da cittadini e ONG, la Commissione ha accertato che l'Italia non garantisce che l'ILVA rispetti le prescrizioni dell'UE relative alle emissioni industriali, con gravi conseguenze per la salute umana e l'ambiente. L'Italia è inoltre inadempiente anche rispetto alla direttiva sulla responsabilità ambientale, che sancisce il principio 'chi inquina paga'. Su raccomandazione del Commissario per l'ambiente Janez Potočnik la Commissione invia pertanto all'Italia una lettera di costituzione in mora, concedendole due mesi per rispondere.
  [...]

Condividi contenuti