Eco-sostenibilità

Riduzione dei rifiuti: esperti al lavoro

Inserito il 12 settembre, 2014 - 01:11

Un anello di congiunzione tra territorio e governo, una task force contro lo spreco alimentare, che possa fare proposte, coinvolgere i portatori d'interesse e svolgere azioni mirate. Sono queste alcune delle sfide che attendono il Comitato scientifico per l’implementazione e lo sviluppo del Programma nazionale di Prevenzione dei Rifiuti, che si è insediato a Roma.

'Il miglior modo per affrontare efficacemente il problema dei rifiuti è quello di produrne di meno', ha affermato il ministro Gian Luca Galletti. 'In particolare evitare lo spreco delle risorse alimentari ha anche una dimensione etica che va promossa e valorizzata. Mi aspetto dal comitato proposte e indicazioni su un tema che ha una grande valenza sotto molteplici aspetti economici ma che per me rappresenta anche un importante indicatore di civiltà'. [...]

Stop alla pesca lungo tutto l'Adriatico

Inserito il 11 agosto, 2014 - 17:50

Stop al pesce fresco a tavola da oggi, lunedì 11 agosto, per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta da pesca italiana lungo tutto l’Adriatico da Trieste a Bari. Il fermo pesca ha l’obiettivo di garantire il ripopolamento dei pesci nel mare e salvare così le marinerie dal collasso, in un 2014 segnato da un calo del 7 per cento dei consumi di pesce fresco in valore nel primo bimestre.

Con il fermo pesca aumenta il rischio, per il consumatore non solo in vacanza sull'Adriatico ma anche abitante in tutte le città italiane rifornite di pesce proveniente da quel mare, di ritrovarsi nel piatto per grigliate e fritture, soprattutto al ristorante, prodotto straniero o congelato: a meno che non si tratti di pesce fresco proveniente dalle altre zone dove non è in atto il fermo pesca, dagli allevamenti nazionali o dalla seppur limitata produzione locale dovuta alle barche delle piccola pesca che possono ugualmente operare. [...]

Prende forma il Bio-distretto dell'Etna

Inserito il 26 luglio, 2014 - 17:34

Su iniziativa dell’Ente Parco dell’Etna e dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB), prende forma il Bio-distretto etneo, con il duplice obiettivo di sostenere e valorizzare le produzioni biologiche presenti nel territorio, ma anche di fare rete, oltre che tra e con i produttori del settore, anche con associazioni, operatori turistici, aziende di trasformazione e consumatori che condividono il modello biologico di produzione e di consumo.

'Spingere verso il consumo di cibi genuini e promuovere l’agricoltura biologica - dichiara il presidente dell’Ente Parco dell’Etna, Marisa Mazzaglia - rappresenta un modo diretto per sostenerne le produzioni, ma anche per formare una cultura di tutela e di rispetto dell’ambiente, certamente utile all’economia dell’area in questione la quale, in attuazione a delle precise prescrizioni di legge, è sottoposta ad una serie di disposizioni che ne garantiscono il regolare sviluppo'. [...]

Fairtrade? Ce n'è bisogno anche in Italia

Inserito il 26 luglio, 2014 - 17:16

Andrea Nicolello-Rossi, presidente di Fairtrade Italia, è intervenuto giovedì 24 luglio a Roma alla presentazione dei risultati del progetto di Arci 'Qualità del lavoro', sviluppato con AIAB e Cgil per elaborare un sistema di controllo delle imprese che impiegano regolarmente lavoratori italiani e stranieri principalmente nel settore agro alimentare nazionale, e focalizzato sulla condizione di sfruttamento che colpisce gravemente i lavoratori agricoli del settore.

Oltre al caporalato, molteplici sono le situazioni critiche nelle filiere agricole italiane, dove ai produttori spesso viene riconosciuto un prezzo che disconosce il valore stesso della produzione, perché non è sufficiente a garantire un giusto reddito. Molti sono anche i casi di sfruttamento dell'ambiente e risorse naturali, episodi di sofisticazione alimentare e truffe. [...]

La CIA insiste, evviva il city farming

Inserito il 26 luglio, 2014 - 17:04

Non solo meno auto e più biciclette, con l’effetto di un’aria più respirabile: in città conquista terreno anche il verde urbano. Nei capoluoghi di provincia la superficie occupata da parchi, prati e giardini cresce in media di quasi l’1 per cento l’anno, guadagnando negli ultimi dieci anni 6 mq per cittadino. Con il risultato che oggi ogni abitante ha a disposizione mediamente 32 metri quadri di verde.

Lo afferma la CIA-Confederazione italiana agricoltori, in merito al rapporto ISTAT sulla 'Qualità dell’ambiente urbano' nel 2013. In realtà c’è ancora tanto da fare per migliorare la qualità ambientale delle città italiane, ma l’agricoltura dimostra di aver colto questa tendenza positiva, promuovendo una nuova sinergia con l’architettura e lavorando a soluzioni urbanistiche innovative in un’ottica di riduzione delle emissioni, di sostegno al 'city farming' e di tutela del paesaggio contro incuria e cementificazione selvaggia. [...]

Non sprecare l'acqua, Levico in linea con il WWF

Inserito il 26 luglio, 2014 - 16:39

Secondo lo studio ‘Acqua in bocca: quello che il cibo non dice sull’impronta idrica’ presentato dal Wwf, il consumo di cibo è responsabile dell’89% degli sprechi di acqua in Italia. Le cause?

Educazione e stile di vita. Si mangia molta carne e la si importa da allevamenti intensivi. Scegliere i giusti ingredienti da portare in tavola rappresenta una via consapevole per abbattere i consumi di un bene prezioso ma non illimitato.
  [...]

Auto elettriche a zero emissioni per DHL

Inserito il 19 luglio, 2014 - 10:14

Nissan Italia e DHL Express Italia hanno firmato un accordo quadro di collaborazione commerciale per l’introduzione della mobilità a zero emissioni sul territorio nazionale italiano. La partnership prevede la fornitura, nel corso dei prossimi 12 mesi, di 50 veicoli commerciali a zero emissioni Nissan e-NV200 che DHL Express utilizzerà per le spedizioni e le consegne in Italia.

Dunque, le consegne rapide di uno dei protagonisti del mondo del trasporto saranno completamente green: un bell'esempio, da seguire anche da parte di altre compagnie trasportistiche.
  [...]

A Milano il cioccolato 'fair' della Costa d'Avorio

Inserito il 19 luglio, 2014 - 09:39

C'era anche Fairtrade Italia venerdì 18 luglio alla cerimonia di firma del contratto di partecipazione ad Expo 2015 da parte della Costa d'Avorio. Una partecipazione di particolare interesse perché con 52 organizzazioni di coltivatori di cacao certificate e più di 85 mila tonnellate di cacao prodotto, la Costa d'Avorio rappresenta per il circuito Fairtrade un Paese chiave per la produzione di cacao a condizioni sostenibili, non solo in Africa Occidentale.

E Fairtrade alla cerimonia del 18 luglio a Milano ha voluto rappresentare in modo particolare quei raccoglitori di cacao ivoriani che, grazie al sistema di certificazione internazionale, hanno beneficiato di un sistema che assicura migliori condizioni commerciali. [...]

Sei tipi di consumatore, 8 miliardi di spreco alimentare

Inserito il 12 luglio, 2014 - 18:55

Quanto costa agli italiani lo spreco alimentare domestico? Secondo il Rapporto 2014 Waste Watcher - Knowledge for Expo gettiamo nella spazzatura 8,1 miliardi di euro all’anno - ovvero 6,5 euro settimanali a famiglia per 630 grammi circa di cibo sprecato - e la tendenza è verso una lieve riduzione dello spreco di cibo.

Erano infatti 8,7 miliardi secondo il monitoraggio pilota di Waste Watcher dell’ottobre 2013. Alla presentazione del Rapporto 2014 sullo Spreco Domestico, illustrato dal presidente di Last Minute Market Andrea Segrè e dal presidente di Swg Maurizio Pessato, è intervenuto il 7 luglio a Milano il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina. Si tratta della prima rilevazione dell’Osservatorio Waste Watcher - Knowledge for Expo, dedicato ai temi dell’alimentazione, dell’agricoltura, dell’ambiente e della sostenibilità, attivato da Last Minute Market con Swg per svolgere studi e ricerche sui temi caratterizzanti l’Esposizione Universale, e al tempo stesso per favorire attraverso l’evento che si terrà l’anno prossimo l’elaborazione di smart policies sulle questioni centrali del nostro tempo legate al cibo. [...]

La città nuova: orti, muri vegetali, garden roof

Inserito il 12 luglio, 2014 - 18:39

Serve un piano di riorganizzazione del territorio urbano, che sviluppi le opportunità offerte dall’integrazione tra agricoltura, architettura, alimentazione e cultura in un’ottica di riduzione delle emissioni, di sostegno al 'city farming' e di tutela del paesaggio contro incuria, degrado e cementificazione selvaggia. E’ quanto è emerso dal Green Shared Day, l’iniziativa organizzata da CIA e Promoverde il 10 luglio all’Auditorium 'Giuseppe Avolio' di Roma.

I nuovi stili di vita e le emergenze ambientali impongono di concepire in modo nuovo gli spazi cittadini, dando al verde urbano un ruolo diverso che non è più solo ornamentale, ma che diventa 'strutturale'. Per raggiungere questo obiettivo, l’agricoltura italiana sta promuovendo una nuova sinergia con l’architettura e lavorando a soluzioni urbanistiche innovative, dove l’elemento naturale si insinua all’interno delle architetture in modo nuovo, penetrando negli spazi e negli interstizi ricavati nella tessitura delle costruzioni urbane. Così nascono ad esempio gli orti verticali, i muri vegetali o i 'garden roof'. [...]

Condividi contenuti