Agroalimentare

La Puglia si fa largo nei vini bio

Inserito il 10 gennaio, 2012 - 22:40

Un'azienda vinicola biologica pugliese, la Amastuola di Massafra (in provincia di Taranto), ha conquistato la medaglia d’oro con un Merlot 2010 e una medaglia d’argento con un Syrah 2010 al concorso 'Mundus Vini BioFach' di Norimberga.

Erano cinque i vini presentati, di cui tre sono andati in premiazione (oltre ai due citati anche il Primitivo) e due alla fine hanno ottenuto la medaglia. Il Merlot era stato premiato, con medaglia d’oro, anche lo scorso ottobre a Bergamo al concorso internazionale 'Emozioni dal Mondo – Merlot e Cabernet insieme'. [...]

Un'impronta digitale garantirà il vero bio

Inserito il 9 gennaio, 2012 - 15:48

Un gruppo di ricercatori europei lavorerà nei prossimi tre anni alla messa a punto di un’impronta digitale analitica dei prodotti biologici, che permetterà di identificare il vero bio rispetto ai tentativi di frode.

Il progetto, più che mai attuale dopo la scoperta della truffa da parte della Guardia di Finanza grazie all’operazione 'Gatto con gli stivali', sarà coordinato dall'Università di Copenhagen e vede la collaborazione italiana della Fondazione Edmund Mach, con la competenza acquisita negli ultimi anni dal Centro ricerca e innovazione relativamente ai rapporti tra isotopi stabili soprattutto dell'azoto, dell'AIAB, che definirà le filiere e raccoglierà i campioni da sottoporre ad analisi, e di BIOS che parteciperà alla valutazione dell'applicabilità all'interno del sistema di certificazione.
  [...]

Carnemolla all'Adnkronos: le sfide del 2012

Inserito il 9 gennaio, 2012 - 10:13

Revisione del sistema di certificazione in Italia, novità nella politica agraria europea, più servizi alle imprese. Queste le sfide per il biologico nel 2012 illustrate all'agenzia Adnkronos da Paolo Carnemolla, presidente di Federbio.

Il sistema di certificazione - ricorda Carnemolla - è ancora basato sulla legge nazionale del 1995. Nel frattempo il mondo è cambiato, ed è cambiato anche il regolamento europeo, mentre da noi dal 2003 giace in Parlamento una proposta di modifica della legge. Spiega Carnemolla: ' Nel 2012 ci auguriamo di riuscire a mettere in campo la riforma di un sistema che, così com'è oggi, intasa aziende e organismi di certificazione con la burocrazia, impedendo di effettuare controlli efficaci'. [...]

Associazione per l'ortofrutta bio in Francia

Inserito il 4 gennaio, 2012 - 12:10

In Francia il biologico si unisce. Nel Paese transalpino infatti cinque importanti aziende produttrici di ortofrutta biologica hanno creato l'associazione CohéFLor Bio, attraverso il sostegno della federazione nazionale francese dell'Agricoltura biologica (FNAB). L'obiettivo della nuova realtà associativa è strutturare meglio la filiera ortofrutticola biologica.

I cinque membri fondatori di CohéFLor Bio sono: APFLBB (Bretagna); Bio Loire Ocean (Loira); Norabio (regione del Nord); Solébio (nel Sud Est) e Val Bio Centre (nel Centro). I produttori di ortofrutta biologica associati sono circa 280 per una superfice coltivata totale di oltre 2 mila ettari di frutta e verdura, quasi il 20% della superfice coltivata a livello nazionale. Lo riferisce il sito Fructidor.
  [...]

Sequestrate 136 tonnellate di prodotti ittici illegali

Inserito il 30 dicembre, 2011 - 17:29

'Ringrazio il Comandante generale ammiraglio Marco Brusco e tutte le donne e gli uomini delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per l’impegno, la dedizione e la professionalità dimostrata anche nel periodo delle festività natalizie a tutela dei consumatori. I risultati dell’operazione ‘Octopus 2011’, infatti, dimostrano quanto sia necessaria l’azione di controllo e di contrasto alle illegalità nella filiera ittica, che costituisce senza dubbio una delle nostre priorità'.

Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, ha commentato i risultati dell’operazione 'Octopus 2011', disposta nel periodo delle festività natalizie dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.
  [...]

In Croazia il biologico cerca il suo spazio

Inserito il 28 dicembre, 2011 - 19:40

Intervista sul biologico in Croazia a Irena Lučić, produttrice, esperta di agricoltura biologica e responsabile della Project Implementation Unit presso il ministero dell’Agricoltura di Zagabria.

Quando si è iniziato a parlare di biologico in Croazia?

La legge quadro sull’agricoltura biologica è stata approvata nel 2001 in linea con il regolamento CEE 2092/91 e successivi emendamenti. Ulteriori modifiche sono state poi introdotte a partire dal 2008 per armonizzare la normativa nazionale con il nuovo regolamento europeo (CE 834/2007). In generale l’interesse verso il 'bio' è aumentato nel corso degli anni, ma i numeri sono ancora ridotti: dai 2 produttori del 2003 siamo passati agli oltre 650 del 2009. Anche in termini di estensioni siamo lontani da un pieno sviluppo del settore: nel 2009 gli ettari a bio erano poco oltre 8.000 ossia l’1% della superficie agricola croata. [...]

Almaverde bio torna in tv – continua il dialogo con i consumatori italiani.

Inserito il 22 dicembre, 2011 - 15:56

Da Natale, Almaverde bio sarà on air con la nuova campagna di comunicazione, pianificata sui maggiori media nazionali.
La campagna pubblicitaria, che svilupperà 72.589.000 di contatti netti sull' universo degli individui e 29.592.000 sul target responsabili acquisto, sarà incentrata sui valori del prodotto biologico come strumento per un buon vivere quotidiano per il benessere nostro e di chi ci circonda.
Almaverde bio continua così il dialogo con i consumatori italiani attraverso la sua comunicazione, puntando con forza a sedimentare nell' immaginario collettivo l' immagine del biologico come scelta per 'volersi bene'. [...]

Lenta ripresa degli ordini all'estero

Inserito il 20 dicembre, 2011 - 14:30

Lo scandalo della mega truffa di inizio dicembre continua a tenere alta la preoccupazione all’estero sulla sicurezza del biologico italiano, anche se gli ordini stanno tornando a livelli abbastanza regolari. A confermare la difficile situazione è Ernesto Fornari (nella foto), direttore di Canova srl, società del Gruppo Apofruit e licenziataria in esclusiva del marchio Almaverde Bio per il comparto dell’ortofrutta fresca.
  [...]

Mix di cereali biologici Fairtrade

Inserito il 20 dicembre, 2011 - 14:22

Significativo riconoscimento per l'azienda Pedon Spa di Molvena (Vicenza), leader europeo nel settore dei cereali e legumi secchi. Il suo "RapidoMix dal Mondo", novità assoluta per il mercato italiano, è il primo mix di cereali biologici a potersi fregiare della certificazione Fairtrade: marchio internazionale di garanzia del commercio equo e solidale.
Da notare che le aziende italiane ad aver ottenuto questa certificazione sono circa un centinaio. Disponibile a scaffale nei negozi di alimentazione naturale e biologica, nonché in erboristerie e farmacie, "RapidoMix dal Mondo" ha dunque risposto agli elevati standard richiesti da Fairtrade, aprendo ai consumatori un nuovo mondo di sapori e di possibilità in cucina, con la certezza di contare sulla migliore qualità. [...]

Mega truffa, danni alle mele altoatesine

Inserito il 17 dicembre, 2011 - 14:29

La maxi truffa del biologico dell’altra settimana ha causato una serie di ripercussioni sui mercati esteri. A testimoniarlo è Dietmar Franzelin, direttore commerciale di Bio Sudtirol di Lana (Bolzano), cooperativa fondata nel 1990 e attualmente con 187 produttori associati, specializzata nel biologico e facente parte del consorzio altoatesino Vog. 'Subito dopo la diffusione delle notizie riguardanti lo scandalo', afferma Franzelin, 'in poco più di mezza giornata abbiamo ricevuto molte e insistite richieste di informazioni da parte di diversi clienti che volevano capire cosa era successo pretendendo, come logico garanzie. Alcuni giorni dopo la vicenda, venerdì 9 dicembre, alcune catene distributive tedesche per precauzione hanno ritirato dagli scaffali i nostri prodotti, sebbene non c’entrassero nulla con la vicenda. [...]

Condividi contenuti