Mele Bio Südtirol: Mai una partenza così

Inserito il 16 settembre, 2015 - 15:06

Werner Castiglioni, direttore commerciale di Bio Südtirol, il colosso europeo delle mela bio, parte del gruppo VOG, ha dichiarato soddisfatto al SANA di Bologna: “La campagna 2015 ha avuto una partenza che non c’era mai stata prima.

Abbiamo messo sul mercato le prime mele di nuovo raccolto, della varietà Gala, già intorno a Ferragosto con ottimi risultati e la campagna procede regolarmente, facilitata dal fatto che le mele della campagna precedente erano andate completamente esaurite prima della partenza del nuovo ciclo commerciale.


Tutto il mercato europeo sta rispondendo bene e possiamo dire che di anno in anno cresciamo con regolarità sulla base di una produzione che progredisce nel nostro territorio di un 3-5% l’anno corrispondente a circa un + 20 ettari annui, produzione che va completamente assorbita dai consumatori europei per il 90% e italiani per 10 circa.

C’è interesse però anche nei nuovi mercati, i grandi mercati asiatici come l’India e il Far-East, dove il futuro potrà essere davvero interessante per le nostre mele biologiche”.

Il quantitativo di mele Bio Südtirol si aggira sulle 25 mila tonnellate.


Dalle 30 varietà del ‘cesto bio’ altoatesino emergono soprattutto le Golden, le Evelina, le Red Deliciuos e le Kanzi. La stagione, che si è appunto aperta con la varietà estiva Gala, si chiuderà a ottobre con le tardive Pink Lady Bio.

Interessante quanto ci ha detto Werner Castiglioni su un progetto avviato in collaborazione con la Val Venosta per la selezione di alcune nuove varietà bio che saranno immesse sul mercato nei prossimi anni. Il manager sudtirolese ripone fiducia sugli sviluppi commerciali nel medio termine nei grandi mercati asiatici.

In India, per esempio, sono stati accolti con interesse i primi container di mele bio delle vallate altoatesine, un mercato sicuramente di nicchia in quel grande Paese ma ciò nondimeno interessante così come Tailandia, Singapore, Hong Kong, dove la mela bio è in una "fase pionieristica”.