Mega truffa, danni alle mele altoatesine

Inserito il 17 dicembre, 2011 - 15:29

La maxi truffa del biologico dell’altra settimana ha causato una serie di ripercussioni sui mercati esteri. A testimoniarlo è Dietmar Franzelin, direttore commerciale di Bio Sudtirol di Lana (Bolzano), cooperativa fondata nel 1990 e attualmente con 187 produttori associati, specializzata nel biologico e facente parte del consorzio altoatesino Vog. 'Subito dopo la diffusione delle notizie riguardanti lo scandalo', afferma Franzelin, 'in poco più di mezza giornata abbiamo ricevuto molte e insistite richieste di informazioni da parte di diversi clienti che volevano capire cosa era successo pretendendo, come logico garanzie. Alcuni giorni dopo la vicenda, venerdì 9 dicembre, alcune catene distributive tedesche per precauzione hanno ritirato dagli scaffali i nostri prodotti, sebbene non c’entrassero nulla con la vicenda.

Abbiamo avuto un rilevante danno d’immagine immediato, così come per le vendite: abbiamo registrato almeno una perdita di cinque bilici di merce invenduti'.
'Solo quando si è compreso che il problema era circoscritto al settore del grano e delle farine – aggiunge il manager di Bio Sudtirol - gli ordini sono lentamente ripartiti. Da martedì scorso la situazione è migliorata, anche se ora ci sono stati alcuni problemi con il mercato francese'. “Su questa truffa ahimè in Germania – continua Franzelin – i commenti negativi su blog e organi di informazione si sprecano. Questa vicenda rischia di affossare l’immagine del settore biologico italiano all’estero. Ora serve fare chiarezza, punire in maniera esemplare i colpevoli, riformulare le regole creandone di più rigide ed effettuare monitoraggi ancora più accurati. Il ministero deve difendere le migliaia di aziende sane, oneste e capaci, come la nostra, che rischiano di venire fortemente penalizzate a causa di qualche pecora nera'.

Emanuele Zanini - corriereortofrutticolo.it