Ma il Biofach è sostenibile? Si certifichi

Inserito il 16 febbraio, 2013 - 20:06

Ogni volta che viene organizzato un evento si produce un impatto ambiente diretto che può essere anche molto significativo. Questo sia in caso di appuntamenti aziendali, dalla piccola conferenza alla partecipazione a un’importante fiera, sia in caso di eventi pubblici come conferenze, festival, manifestazioni sportive, concerti, mostre.

Tra i promotori aumenta, dunque, la richiesta di associare la propria immagine a un evento sostenibile, impegnandosi a ridurne concretamente gli impatti ambientali.


Consapevole dell’importanza di promuovere un modello di gestione degli eventi in sintonia con l’ambiente e con gli ultimi orientamenti comunitari, il certificatore italiano ICEA ha siglato un accordo con la società Punto 3 che ha ideato, assieme a Tangram Srl, un protocollo per la certificazione degli Eventi Sostenibili®: un percorso di responsabilizzazione del promotore di un qualsiasi evento, attraverso il quale: gli aspetti ambientali più critici e le possibili azioni di mitigazione vengono identificati e analizzati fin dalle prime fasi di progettazione; l’impegno assunto per il miglioramento delle prestazioni ambientali viene comunicato a partecipanti, sponsor e stakeholder; i protagonisti vengono coinvolti e incoraggiati a contribuire con il proprio comportamento a perseguire importanti obiettivi di miglioramento ambientale.

Il processo di certificazione si articola in quattro fasi fondamentali: pre-assessment; consigli per il miglioramento; audit; post-evento.

La misurazione della performance ambientale condotta attraverso l’utilizzo del software 'Sustainable Event Screening®' versione 5.0 (SES®) viene espressa con un punteggio compreso tra 0 e 100 punti percentuali.

Rispetto al punteggio conseguibile, vige una soglia minima di prestazione ambientale del 50%, al di sotto della quale non viene rilasciata la certificazione, e quattro classi di Sostenibilità (SQ - Sustainability Quotient) a cui sono associati altrettanti specifici loghi.

Ora GreenPlanet si chiede: ma il Biofach, la più grande fiera al mondo del bio, è sostenibile? E, in questo caso, la sua sostenibilità ambientale è certificata? Non ci risulta. I casi sono due: o a noi la certificazione della sostenibilità di Biofach è sfuggita, visto che non la vediamo nei documenti della fiera, oppure la certificazione di un evento sostenibile è una novità tale anche a livello internazionale che nemmeno i primi della classe tedeschi ci hanno ancora pensato.