L'ecologia comincia tra le mura di casa

Inserito il 23 luglio, 2012 - 21:48

Quali attenzioni ecologiche si debbono avere all'interno della propria casa, in particolare in relazione a pulizie e ad altri lavori tra le mura domestiche? Ogni tanto ci imbattiamo in consigli e attenzioni da prendere in proposito. Vediamo, in sintesi, alcune argomentazioni che abbiamo trovato negli ultimi giorni.

Per evitare l'utilizzo di prodotti per le pulizie poco o per nulla ecologici, si possono auto-produrre detergenti ecologici efficaci ed economici a partire da semplici ingredienti naturali che si trovano facilmente a prezzi contenuti: bicarbonato di sodio, aceto, limone, acido citrico (quest’ultimo è il meno diffuso, ma si può facilmente acquistare online).

Vanno disciolti in acqua, con proporzioni variabili o utilizzati seguendo precise ricette. Hanno un’efficacia leggermente inferiore rispetto ai detergenti chimici, ma sarà sufficiente una spugnetta un po’ più abrasiva (specie su superfici lavabili come le piastrelle) e otterremo lo stesso risultato, preservando l’ambiente e senza incorrere in problemi di allergie e dermatiti. Si possono acquistare detergenti ecologici attraverso un gruppo d’acquisto solidale o attraverso un negozio online di prodotti ecologici, controllando bene l’inci (cioè la lista dei componenti) e le certificazioni di cui godono (ad esempio ecolabel, icea etc).

Per quanto riguarda la tinteggiatura delle pareti interne possiamo affidarci a un rivenditore specializzato e acquistare dell’idropittura ecologica e traspirante, non tossica. Nella scelta possiamo tenere presente la voce VOC che indica la soglia sotto la quale il prodotto è certificato ecologico. Voc sta per Volatile Organic Compounds, ovvero Composti organici volatili: si tratta di sostanze molto sottili che vengono rilasciate nell’aria sia in natura che dai prodotti chimici. Più vicino allo zero è il numero di VOC e più il prodotto sarà più ecologico. Le normali idropitture dal 2010 devono avere VOC massimo di 30.

Quando si fanno le pulizie di casa si trovano molti oggetti da buttare e altri ancora funzionanti che non servono più. Un concetto di fondo che bisogna rispettare è il seguente: non sprecate, non gettate mai nei rifiuti oggetti ancora utilizzabili, che siano vestiti, giocattoli, mobili o altro. Ogni prodotto prima o poi finisce nei rifiuti, ma se può essere ancora usato potete regalarlo, donarlo in beneficenza oppure portarlo in luoghi come Mercatopoli (mercatini dell'usato presenti in varie città) dove verrà valutato e rivenduto, così potrete anche guadagnarci qualcosa.