Il settore fa boom in Australia

Inserito il 12 dicembre, 2012 - 13:23

Il biologico è uno dei cinque settori che stanno crescendo di più in Australia, e sta diventando quello dominante secondo un nuovo studio. I supermercati stanno velocemente aggiungendo prodotti biologici alla loro offerta, con una crescita incoraggiata dal consumatore australiano medio. Più di 20 australiani su 100 comprano prodotti biologici regolarmente e quasi due su tre hanno comprato un prodotto bio durante il 2011. 
 

Il resoconto biennale indipendente 'Australian Organic Market Report', commissionato dall’autorità più importante del settore biologico australiano, la Biological Farmers of Australia (Agricoltori biologici dell’Australia), riporta per la prima volta congiuntamente ricerche fatte dall’Università di Swinburne, statistiche dell’ABS e informazioni sulle previsioni mondiali come anche un questionario fatto in esclusiva da uno specialista del gruppo di ricerca sul mercato. 

Il documento identifica quattro prodotti biologici che vengono comprati oggi nei supermercati e che rappresentano un trend continuo dato che i consumatori cercano prodotti bio. La ricerca più recente conferma il fatto che il settore del bio in Australia valga 1,27 miliardi di dollari australiani (1,03 miliardi di euro) ed è prevista una crescita del 15% annua che lo metterà nella top 5 dei settori in crescita in Australia. 

I prezzi al produttore per quanto riguarda i prodotti bio sono cresciuti del 34% dal 2010. Il settore della carne ha attraversato una crescita importante. Le vendite di carne di manzo sono cresciute del 111%, toccando i 72,7 milioni di dollari (53,16 milioni di euro), la carne di agnello del 64% raggiungendo i 18,6 milioni di dollari (14,37 milioni di euro) mentre la carne di pollo è cresciuta del 15% segnando 17,8 milioni di dollari (13,75 milioni di euro). 

Il co- autore della relazione, Il dottor Andrew Monk di BFA, ha commentato: 'I consumatori hanno eletto i cibi che preferiscono, sia in termini di prezzo che di caratteristiche, scegliendo prodotti di qualità che fanno bene sia a noi che all’ambiente'. 'Le precedenti tre barriere che ostacolavano l’acquisto dei prodotti bio - il prezzo, la disponibilità del prodotto e la fiducia nel fatto che questo fosse veramente biologico - hanno dimostrato di avere meno influenza sui consumatori che nel 2010. La fiducia nelle certificazioni biologiche e la consapevolezza degli standard e delle certificazioni sono cresciute considerevolmente.

Come è noto, c’è stato un significativo aumento nel riconoscimento del principale logo australiano di certificazione bio, l’Australian Certified Organic, di più del 25% rispetto al 2010', ha affermato Monk. E ha aggiunto: 'Le donne rimangono le principali acquirenti di prodotti biologici, principalmente per ragioni salutistiche, e la protezione dell’ambiente come ragione per comprare prodotti bio ha significativamente perso importanza'.