Il biologico nelle mense: presto una legge nazionale

Inserito il 2 ottobre, 2015 - 16:22

Ammonta a circa 315 milioni di euro il fatturato della ristorazione collettiva biologica, pari ad oltre il 10% del mercato italiano complessivo del biologico, con oltre 1.249 servizi di ristorazione e mense scolastiche con menù biologici attive in tutta Italia (dati Biobank, 2014).

'Il forte incremento registrato dalle mense biologiche, +43% in quattro anni, attesta come sia cresciuta negli ultimi anni l’attenzione verso l’alimentazione dei più piccoli. Tra i 10 milioni di italiani che mangiano regolarmente fuori casa, ci sono infatti anche molti bambini e ragazzi, ai quali è importante garantire cibi sani e di qualità', ha commentato il presidente di Fedagri-Confcooperative Giorgio Mercuri (nella foto) a margine del convegno 'Il bio nel piatto' svoltosi ad Expo Milano negli spazi della Cascina Triulza.


Il presidente di Fedagri-Confcooperative ha chiesto alle istituzioni 'un maggior impegno per semplificare le norme che regolano il settore e dare maggiore impulso all’introduzione di prodotti biologici nella ristorazione scolastica'.

Gli ha risposto la dirigente del ministero delle Politiche Agricole Roberta Cafiero che dopo aver sottolineato come 'il compito delle istituzioni sia quello di far coincidere l’interesse pubblico con il minor sacrificio possibile da parte dei privati, per arrivare ad un obiettivo comune', ha annunciato che il Ministero sta lavorando ad una normativa nazionale che andrà a disciplinare la ristorazione collettiva biologica.

Nel 2011 si deve al ministro dell’Ambiente la redazione di un Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione in cui è stata fissata in almeno il 40% la quota della ristorazione pubblica che dev’essere di origine biologica. Successivamente, sono stati pubblicati in Gazzetta ufficiale i criteri ambientali minimi per il servizio di ristorazione collettiva.

Il quadro sul territorio nazionale è in ogni caso molto variegato: mentre in alcune regioni l’impiego di prodotti biologici nelle mense è ancora alquanto contenuto, altre come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna sono oggi leader per numero di mense biologiche, avendo progressivamente recepito e normato le indicazioni ministeriali attraverso apposite leggi regionali e programmi per l’orientamento dei consumi e l’educazione alimentare.