Gli studenti vogliono una scuola green

Inserito il 7 settembre, 2011 - 08:56

La scuola italiana è green. O almeno lo sono i suoi studenti, sempre più attenti alle tematiche ambientali.
La conclusione arriva dalle statistiche di agosto 2011 di www.quibio.it : nell'ultimo mese, il portale ha registrato un deciso incremento delle visite e degli acquisti della sezione 'BioCancelleria' e 'BioGadget', dove sono presenti biro interamente biodegradabili e compostabili e gusci in bioplastica per proteggere gli smartphone.
Numerose inoltre le richieste di informazioni e ordinativi da parte di scuole di tutta Italia, sia per le Bio Green Pen che per le stoviglie per le mense.
"Il dato è statisticamente rilevante" ha dichiarato il fondatore di Quibio.it. "Agosto è il mese solitamente dedicato agli acquisti per il nuovo anno scolastico, e infatti le sezioni più visitate del sito sono state quelle delle stoviglie biodegradabili e quello delle penne biro. Anche i gusci per Iphone, ormai uno 'strumento' scolastico a tutti gli effetti grazie alle sue molteplici funzioni, hanno avuto un incremento di vendite. Il dato rilevante è facilmente interpretabile: le nuove generazioni sono sempre più sensibili al rispetto per l'Ambiente. È da questo che dobbiamo partire per creare una coscienza sostenibile sempre più radicata".Sia le Bio Green Pen che i gusci per smartphone di Quibio.it sono realizzati in Mater-BiIl Mater-Bi è un polimero realizzato partendo da sostanze rinnovabili come l'amido di mais. Essendo realizzato con materie rinnovabili, è biodegradabile e compostabile al 100%. Grazie alla sua presenza sul mercato da oltre dieci anni, Quibio.it è, oltre che portale leader nella vendita online di prodotti biodegradabili e compostabili al 100%, un vero e proprio indice dei trend legati ai prodotti in bioplastica. Quibio.it, punto di riferimento per il settore del biodegradabile su Internet con oltre 500.000 visitatori unici all'anno, da quando è attivo ha permesso di evitare l'emissione di oltre 10.000 tonnellate di CO2 nell'atmosfera. Per maggiori informazioni: www.quibio.it