Editoriale

Editoriale del 19/10/11: Gli OGM e i diritti dei consumatori

Inserito il 19 ottobre, 2011 - 11:21

Gli OGM sono stati al centro delle manifestazioni romane dei movimenti ambientalisti che hanno accompagnato le riunioni della FAO che si sono concluse con i lavori del Comitato mondiale per la sicurezza alimentare che si è occupato, ancora una volta, delle ripetute crisi alimentari. Il momento più interessante di queste manifestazioni è stato l'intervento di Vandana Shiva, la popolare leader ambientalista indiana, che ha illustrato a Roma un Rapporto mondiale sull'utilizzo degli OGM nell'agricoltura e dunque nell'alimentazione che, con esempi concreti, mostra il fallimento di queste pratiche che, secondo il Rapporto, non aumentano le produzioni, non riducono l'uso di sostanze chimiche, arrecano danni all'ambiente minacciando la bio-diversità. [...]

Editoriale del 12/10/11: Di chi stiamo parlando?

Inserito il 12 ottobre, 2011 - 11:37

Le prime iniziative autunnali per la promozione del biologico, svoltesi tra piazze e palazzi storici, hanno fatto il pieno. Gli organizzatori di questi eventi, il cui livello qualitativo cambia molto tra città e città, molto spesso non si preoccupano affatto di sapere le motivazioni che spingono la gente ad affollare chioschi e intrattenimenti: è una generica curiosità, che scatta per ogni cosa si organizzi, per ogni cosa si venda in un luogo pubblico, o è qualcosa di più? Ovvero, qual è il livello di consapevolezza di coloro che si accostano al biologico attraverso le iniziative di piazza? Consiglieremmo gli organizzatori, almeno quelli delle iniziative più importanti, a impiegare dei rilevatori che distribuiscano e raccolgano questionari sugli atteggiamenti, le motivazioni, le conoscenze del pubblico. [...]

Editoriale del 05.10.2011: Un distretto bio deve pur partire

Inserito il 5 ottobre, 2011 - 08:27

Il congresso mondiale sul biologico promosso da IFOAM vicino a Seoul, in Corea, e conclusosi da pochi giorni, ha sottolineato, tra i tanti argomenti affrontati, il tema dei distretti biologici e della rete tra i medesimi. L’idea è molto bella e sembra facile da capire e condividere: in un mondo inquinato, i terreni coltivati con metodo biologico e biodinamico dovrebbero essere all’interno di vaste aree dedicate alle colture bio in modo esclusivo, non potendo entrare in contatto con territori coltivati con OGM e proponendo d’altra parte un modello che confligge anche con le colture convenzionali. Il vero biologico non può resistere in un’isola assediata. Il biologico ha bisogno di crescere su territori vasti in cui ci siano quantità di prodotto e siano possibili economie di scala tali da creare realmente modelli alternativi all’agricoltura convenzionale, ma anche alla distribuzione e al commercio convenzionali. [...]

Editoriale del 28.09.2011: La nicchia, una gabbia troppo stretta

Inserito il 27 settembre, 2011 - 20:14

Uno straordinario movimento dal basso sta interessando il biologico. Non è il movimento ideologico-radicale di venti anni fa. Si tratta di un fenomeno nuovo, figlio dei tempi che viviamo: semplicemente, la gente cerca di vivere meglio, di consumare meglio, in modo più sano, più equilibrato ed ha capito che vale la pena di rispettare l'ambiente, di sprecare meno, di cercare alternative ecologiche; infine, la gente avverte che nella ventata della "rivoluzione verde" c'è forse la via d'uscita ad una crisi economica lunga e pesante.
Così, ogni settimana, in ogni angolo d'Italia, spuntano come funghi iniziative popolari sul biologico, gestite da associazioni locali spesso di recente costituzione o da aggregazioni spontanee di soggetti diversi, sostenute da Comuni medi, piccoli, piccolissimi ancora più che dalle amministrazioni delle città più grandi. [...]

Editoriale del 21/09/2011: Una riflessione sulla Biodomenica

Inserito il 21 settembre, 2011 - 00:21

Sarà interessante verificare nella seconda domenica di ottobre, il giorno 9, come andrà a finire la Biodomenica promossa dall'AIAB in collaborazione con Legambiente e Coldiretti. Interessante perché l'iniziativa tocca un nodo cruciale del biologico: l'incontro con i consumatori. Interessante per vedere se la formula, vecchia di 12 anni, tiene ancora, se è stata modificata e in che modo. Interessante infine perché l'impegno messo in campo è grande: sono coinvolte un centinaio di città, qualcuna anche non italiana; si è messa in moto una macchina mediatica e promozionale importante in grado di far giungere il messaggio ai cittadini, quindi con un impegno anche economico considerevole. [...]

Editoriale del 14/09/2011: Il Sana della ripartenza ha una sfida davanti

Inserito il 13 settembre, 2011 - 23:19

E' stata una buona edizione, ha segnato il punto di ripartenza dopo anni di incertezze e confusione.
Il Sana ha fatto la scelta di puntare sul business delle aziende, è rinato attorno a questa idea, che è tutt'altro che sbagliata. Di più: ha puntato sulla qualità. E ha ricevuto attestazioni di fiducia. Qualcuno, che aveva già pensato di porre una pietra sopra alla storica rassegna del biologico italiano, si è ricreduto: si è rivisto a Bologna e domenica scorsa ha lasciato la fiera ripromettendosi di tornare. [...]

Editoriale del 07/09/2011: Meno uno al debutto

Inserito il 7 settembre, 2011 - 11:38

Siamo in linea, in rodaggio, da alcuni giorni e manca un giorno al debutto ufficiale del rinnovato GreenPlanet.net, debutto che avviene al SANA di Bologna, dove siamo presenti al padiglione 32 stand C11 per tutta la durata della manifestazione.
Pronti a ricevervi, a parlarvi, a spiegare che cosa stiamo facendo per voi. Ecco, vi vogliamo offrire della buona informazione, selezionata, utile alle aziende che approcciano il mercato, utile soprattutto ai consumatori che intendono orientare le loro scelte sulla base di conoscenze che possono ricevere qua e là e che il nostro portale intende invece dare loro mostrando un panorama completo di che cosa è il biologico. In sintesi, ovviamente, ma una sintesi meditata, utile, efficace. [...]

GreenPlanet.net - Editoriale 01/09/2011

Inserito il 1 settembre, 2011 - 11:38

Giovedì 1 settembre 2011. Parte il nuovo GreenPlanet.net. Cosa significa? Una lunga e non facile riflessione, alla quale hanno fatto seguito passi concreti, ha portato il sito che da oltre 15 anni parla al mondo del biologico italiano verso un nuovo approdo: il consumatore. Siamo passati, nel corso di questi anni, dal movimento, che andava accompagnato e spiegato nella sua crescita tumultuosa di motore culturale del mondo del bio, a una maggiore attenzione verso il mercato e la vita delle aziende che avevano “sposato” la causa dei prodotti biologici come loro mission imprenditoriale, al consumatore appunto. [...]

Condividi contenuti