Da Bioitalia il pomodorino del Piennolo vesuviano

Inserito il 21 agosto, 2013 - 08:14

Bioitalia, ormai da quasi 20 anni bandiera del biologico di qualità, ha posto sempre grande attenzione alla ricerca e alla valorizzazione del territorio. A confermarlo, ancora una volta, è il prodotto. Al Sana di Bologna (7-10 settembre) sarà presentato il Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP biologico. 'Siamo particolarmente entusiasti di introdurre nella nostra gamma – spiega l’amministratore delegato di Bioitalia, Giovanni Di Costanzo – un prodotto che è il simbolo della tradizione antica del territorio vesuviano'.


Grazie alla collaborazione con l’azienda agricola 'Di Gennaro Anna', i pomodorini del Piennolo Bioitalia, coltivati all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio, sono poi raccolti in cassette di legno e invasettati a mano con il succo degli stessi pomodorini. Non c’è agricoltore vesuviano che non semini una fila di pomodorini 'col pizzo' e non li metta da parte per l’inverno.

L’antica tradizione, infatti, vuole che questi pomodorini si riuniscano in grappoli, legati con cordicelle di canapa, per essere appesi alle pareti o ai soffitti delle case dei napoletani. In questo modo, la lenta maturazione favorisce una lunga conservazione, con la possibilità di consumare il prodotto al naturale fino alla primavera seguente.  

Coltivarne in quantità superiori al bisogno di consumo familiare è, però, faticoso e poco remunerativo: i terreni più adatti a questa coltivazione, infatti, sono spesso difficili da raggiungere e anche da coltivare perché le colate laviche stratificate nei secoli hanno reso i terreni scuri e sabbiosi.


Introducendo questo prodotto in gamma, Bioitalia promuove queste coltivazioni, aiutando concretamente lo sviluppo di un prodotto unico al mondo. 'Il nostro obiettivo – conclude Giovanni Di Costanzo – è di sostenere e contribuire allo sviluppo di queste coltivazioni, e attraverso le nostre attività commerciali e di comunicazione, contiamo di far conoscere questo meraviglioso prodotto anche sui mercati esteri'.

Al Sana sarà possibile degustare questo prodotto, presso il pad 32nell’area degustazione allestita dal Consorzio il Biologico.