Biol: l’Olivastro di Frosinone miglior olio bio 2017

Inserito il 7 luglio, 2017 - 13:07

Si terrà il 12 luglio a Roma, nella Sala Cavour del ministero dell’Agricoltura, la consegna dei riconoscimenti del XXI Premio Biol, il concorso internazionale per gli extravergini biologici organizzato dal CIBi e promosso da Camera di Commercio di Bari e Regione Puglia - Assessorato all'Agricoltura. L’epilogo, dunque, della kermesse che a marzo ha reso per tre giorni Ostuni, nel Brindisino, epicentro internazionale del movimento olivicolo biologico, con in gara 350 oli di 15 Paesi valutati dalla giuria internazionale (30 esperti di vari continenti), una mostra degli oli in concorso, momenti tecnici, una sezione sulle innovazioni, corsi di assaggi, laboratori, degustazioni e itinerari.


A essere premiati saranno i vincitori di quest’anno: ai vertici dell’annata olivicola bio, sul gradino più alto il laziale ‘Olivastro' dell’azienda Quattrociocchi di Alatri (Frosinone); secondo il ‘Francibio' prodotto da Franci a Montenero d’Orcia (Grosseto); terzo, il biodinamico andaluso 'Finca La Torre - Hojiblanca’. Riconoscimenti anche per il vincitore del Premio BiolPack (miglior accoppiata etichetta-packaging assegnato da una specifica giuria di esperti in comunicazione e marketing): il total white dello spagnolo ‘Egregio', giudicato ‘puro, semplice, efficace'; per il vincitore del BiolKids (progetto che con percorsi formativi e laboratori d’assaggio di oli bio ha coinvolto in sette regioni oltre 1.300 ragazzi di 27 scuole primarie): il pugliese ‘Picholine' della fasanese Profumi di Castro - Adriatica Vivai, risultato il preferito dal baby panel che ha affiancato i giurati senior per assegnare il riconoscimento; e per i vincitori, infine, dei Biol Territorio, eccellenze per aree geografiche italiane ed estere. Nell’occasione sarà presentata in anteprima l’ultima edizione della Guida mondiale dei migliori extravergini bio.