CCPB

Equivalenza USA-UE: cosa vuol dire per chi importa

Inserito il 23 febbraio, 2012 - 20:59

Analogamente a chi esporta, a seguito del riconoscimento dell'equivalenza tra il Reg. CE 834/2007 ed il Regolamento USDA/NOP sono molte le cose che cambieranno per gli importatori a far tempo dall'entrata in vigore di tale accordo, cioè dal 1 giugno 2012.

Gli importatori nella UE, a decorrere dal 1 giugno 2012, non saranno più tenuti a richiedere all'Autorità competente la specifica autorizzazione all'import (permane comunque l'obbligo, a livello italiano, di essere iscritti all'albo nazionale degli importatori, come da art. 11.1 del DM 18354 del 27 novembre 2009 e successive modifiche ed integrazioni). [...]

Equivalenza USA-UE: cosa vuol dire per chi esporta

Inserito il 23 febbraio, 2012 - 20:56

A seguito del riconoscimento dell'equivalenza tra il Reg. CE 834/2007 ed il Regolamento USDA/NOP sono molte le cose che cambieranno a far tempo dall'entrata in vigore di tale accordo, cioè dal 1 giugno 2012.

In primo luogo, gli operatori non saranno più tenuti a mantenere la certificazione per entrambi gli schemi: con la sola certificazione europea per le produzioni biologiche sarà possibile esportare negli Stati Uniti. [...]

Il CCPB: 'Sì a Federbio, chi ha truffato paghi'

Inserito il 9 febbraio, 2012 - 15:48

In merito alle recenti dichiarazioni di Paolo Carnemolla e alla decisione di FederBio di costituirsi parte civile nel procedimento penale contro l'operazione 'Gatto con gli Stivali', Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB Srl, commenta: 'Appoggiamo l'iniziativa di Federbio che si è costituita parte civile nella frode che è stata denominata Gatto con gli stivali. E' importante che chi ha messo in piedi e sostenuto questa frode paghi e che da questo si impari prevenendo situazioni che alla fin fine saranno i produttori e gli operatori onesti a pagare. Anche a noi piacerebbe sapere cosa sta succedendo in Romania ed in Germania, considerando che l'unico organismo che ha visto falsificare i suoi certificati è un organismo tedesco-rumeno. [...]

Gas serra e impatto ambientale a Fieragricola

Inserito il 16 gennaio, 2012 - 10:47

Gas serra ed impatti ambientali: una certificazione per le filiere agro-alimentari ed agro-energetiche. Questo il tema del seminario organizzato dal Consorzio il Biologico e dal CCPB di Bologna.

L'appuntamento è fissato per il 3 febbraio 2012 a Verona, all'interno di Fieragricola (2-5 febbraio) e sarà - riferisce una nota degli organizzatori - 'un'opportunità irrinunciabile per chi voglia tenersi al passo con le nuove frontiere della ricerca in agricoltura'.
  [...]

Il CCPB al Biofach di Norimberga

Inserito il 10 dicembre, 2011 - 11:49

Anche quest'anno il Consorzio il Biologico e CCPB srl saranno presenti al Biofach, la maggiore fiera mondiale del Biologico, che si svolgerà a Norimberga dal 15 al 18 febbraio 2012. 'A Norimberga andremo per presentare l'Italia, insieme ai nostri soci, e raccontare un'esperienza che unisce la tradizione con una visione ambiziosa e un impegno quotidiano per lo sviluppo sostenibile. Ma lo faremo con uno sguardo internazionale che è uno dei nostri buoni propositi per il nuovo anno. Lavorare locale ma pensare globale: questo è il futuro che stiamo progettando e che troverà uno spazio concreto al Biofach.
Come sempre, ci sarà il nostro ristorante, con musica e gastronomia italiane, ma anche ricerca e novità, che presenteremo sia nel padiglione food che in quello della cosmesi. [...]

Che rapporto tra l''integrato' e il 'biologico'?

Inserito il 9 dicembre, 2011 - 22:15

Per qualcuno si tratta di un ossimoro, ovvero di una contraddizione in termini. Per noi, che da anni siamo impegnati su entrambi i fronti, non è assolutamente vero.
Ne è dimostrazione lo sviluppo di entrambi i settori: molte imprese impegnate nel settore dell'ortofrutta fresca hanno sviluppato entrambi i segmenti e molte aziende agricole sono transitate dall'integrato per giungere al biologico, l'integrato ha costituito un'ottima palestra per sperimentare tecniche produttive poi affinate nel biologico.
  [...]

Piva (CCPB): 'Siamo noi le prime vittime del falso biologico'

Inserito il 6 dicembre, 2011 - 20:01

'Siamo noi le prime vittime del falso bio'. Questa la prima reazione a caldo di Fabrizio Piva (nella foto), amministratore delegato dell'ente di certificazione del biologico CCPB, dopo la notizia della maxi truffa da 700 mila tonnellate scoperta dalla Guardia di Finanza di Verona per un valore che supera i 220 milioni di euro (leggi le news correlate 1 e2).

'Come CCPB abbiamo in questi ultimi mesi collaborato con gli organi di vigilanza per smascherare queste truffe che, per sete di facile denaro, rischiano di compromettere il lavoro e l'impegno di aziende serie che hanno fatto del biologico un'eccellenza italiana invidiata in tutto il mondo'. [...]

Progetto Italia per la produzione integrata

Inserito il 2 dicembre, 2011 - 11:41

Venerdì 25 novembre al convegno Agricoltura Integrata e Sostenibilità Ambientale, organizzato dal CCPB (Il Consorzio per la certificazione dei prodotti biologici) e dall'Istituto di Entomologia e Patologia Ambientale dell'Università Cattolica di Piacenza, Giuseppe Blasi, direttore generale Sviluppo Rurale, Infrastrutture e Servizi Mipaaf, ha sintetizzato i problemi e le opportunità dell'agricoltura integrata.

Un intervento che ha riguardato pure il futuro dell'agricoltura italiana nel contesto europeo: 'Sono più di venti anni che in Italia viene adottato il sistema della produzione integrata – ha spiegato Blasi.  [...]

Così ti comunico il bio

Inserito il 10 novembre, 2011 - 20:11

La creatività viene premiata: e insieme, viene riconosciuta l'attenzione dei ragazzi alle buone pratiche e all'alimentazione biologica.

Il concorso Bio Con Vinci è pensato per promuovere il biologico educando i consumatori del domani a una scelta più consapevole, ma anche valorizzando la loro autonomia di pensiero ed espressione.
  [...]

Il paradosso del bio: più domanda, meno offerta

Inserito il 25 ottobre, 2011 - 16:27

L'Emilia-Romagna è prima in Italia per numero di operatori biologici e prima tra le regioni del Nord per superfici coltivate, ma nonostante l'aumento della domanda di prodotti biologici, non cresce la loro area di coltivazione.

E' questo il paradosso emerso al convegno 'Il futuro del biologico in Emilia-Romagna tra orientamento al mercato e nuova Pac', svoltosi lunedì 24 ottobre a Bologna, dove l'assessore regionale all'Agricoltura, Tiberio Rabboni, ha esortato a 'collegare di più produzione e mercato'.
  [...]

Condividi contenuti