ANABIO: ‘Ecco perché la gente premia il biologico'

Inserito il 11 settembre, 2015 - 11:26

ANABIO, l’associazione dei produttori biologici che fanno capo alla Confederazione CIA, ha approfondito alcuni aspetti della crescita a doppia cifra del biologico (17,3 per cento l'aumento del giro d'affari nell'ultimo anno, per un valore complessivo di 3 miliardi di euro).

Ecco in sintesi le considerazioni sviluppate da ANABIO:
 


Chi consuma bio si dice disposto a pagare il 15 per cento in più del prezzo di un prodotto convenzionale. L'Italia è il sesto Paese al mondo per ampiezza delle superfici coltivate a bio - 1.320 milioni di ettari - e per il tasso di crescita - 150 mila ettari in più rispetto al 2013 (+12,8 per cento) -, su cui lavorano 45.969 imprese (il 17,8 per cento di quelle della UE).

Sicilia e Calabria le regioni a maggiore vocazione biologica, seguite da Puglia, Emilia-Romagna e Toscana. I prodotti più consumati spaziano dalle uova (9,2 per cento di tutti gli acquisti bio) ai sostituti del pane (8 per cento), dal latte (7 per cento) alla frutta e verdura (6 per cento), alle carni (4 per cento).

Tra le motivazioni al consumo, se al primo posto c'è sicuramente la ricerca di prodotti che siano naturali e aiutino a mantenere il fisico in salute, la possibilità di sostenere e sposare un diverso modello di sviluppo non è certo da meno.

Per questo un consumatore su quattro (il 28 per cento) assimila il prodotto biologico ad un prodotto non industrializzato e sviluppa nel tempo una radicata fiducia nel produttore che ha scelto. Un altro 17 per cento dei consumatori identifica i prodotti bio come rispettosi dell'ambiente.