Al Comune di Basiglio il Premio Mensa Verde

Inserito il 14 dicembre, 2012 - 10:48

Importante riconoscimento per la mensa scolastica di Basiglio (Comune di ottomila abitanti in provincia di Milano). Il servizio di refezione delle scuole comunali, che serve ogni giorno più di 700 pasti, è stato premiato come migliore Esperienza di ristorazione collettiva sostenibile in Italia per l’anno 2012.

Convertita all’autonomia energetica la scorsa estate attraverso l’adozione di energia geotermica e fotovoltaica, la mensa a sostenibilità totale ha conquistato la giuria del Premio Mensa Verde, che l’ha scelta come esempio più virtuoso tra molte altre strutture pubbliche, private e del mondo no-profit, e l’ha premiata in occasione di CompraVerde - Buy Green, il Forum Internazionale degli acquisti verdi che si è svolto il 5 e 6 dicembre al Palazzo delle Stelline a Milano.

Un riconoscimento che è solo l’ultimo di una serie. Nel mese di novembre la mensa scolastica, è infatti stata premiata in rapida sequenza dal GruppoSole-24 Ore come migliore “Locale green” in Italia, e da Sette Green, il magazine 'eco' del Corriere della Sera, per il contributo pratico e concreto nella difesa dell’ambiente. Premi che dimostrano come la refezione, la cui gestione è affidata a Gemeaz Elior, rappresenti un modello a livello nazionale.

Quanto è stato realizzato con la riqualificazione della mensa, il cui costo (1.239.000 euro) è stato interamente a carico di Gemeaz Elior, come previsto dall’appalto di gestione rinnovato lo scorso anno, fa parte di un disegno più ampio, che punta a fare di Basiglio un Comune modello di sostenibilità.

Non a caso, la riqualificazione energetica dell’edificio rappresenta solo l’ultimo tassello di un puzzle composto a partire dal 2003, quando l'Amministrazione comunale aveva ereditato un servizio di cui tutti si lamentavano e la cui gestione era affidata a una società in fallimento.

Da lì si è partiti per realizzare un servizio che oggi rappresenta invece un modello a livello nazionale, grazie anche all’utilizzo di prodotti Dop, Igp, Bio, a filiera corta, chilometro zero e provenienti dalle terre confiscate alla ’ndrangheta. 'Un servizio nel quale alla sostenibilità ambientale si sommano quella economica e quella sociale - afferma il sindaco Marco Flavio Cirillo - che sono i principi guida con i quali abbiamo programmato il futuro di Basiglio sul modello delle Smart Cities del Nord Europa'.