Agricoltura e legalità all'Alce Nero Caffé

Inserito il 21 marzo, 2012 - 09:12

Diritti e cultura della legalità, contro la corruzione e contro tutte le mafie, nelle attività quotidiane del cittadino e nell’economia. L’agricoltura biologica si pone come terreno di riscatto sociale per aree che si sono affrancate dal giogo mafioso, e che oggi rappresentano realtà positive di un modello produttivo sano. Alce Nero sostiene, attraverso partnership e condivisione di obiettivi, l’attività delle cooperative di Libera, e diffonde i temi di legalità che stanno alla base di questo progetto.

Tra le iniziative di 'Civica - Iniziative di cultura antimafia', alla seconda edizione (dal 4 marzo al 16 maggio 2012) spicca la cena sul tema 'Agricoltura e legalità', proposta all’Alce Nero Caffè per sabato 24 marzo, con inizio alle 19.

Ospite della serata è Giuseppe Cilento, sindaco di San Mauro Cilento, amico e collega di Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica-Acciaroli ucciso dalla criminalità nel 2010, con il quale condivideva gli ideali di legalità e la fede ambientalista.

Primo cittadino di un piccolo centro stretto tra i boschi del Monte Stella e uno dei mari più puliti d’Italia, ma anche tra le zone controllate da camorra da una parte e ‘ndrangheta dall’altra, Cilento fa sentire la voce di tutte le persone che in quelle terre vivono e lavorano nella legalità.

Peppino Cilento è stato presidente della cooperativa agricola Nuovo Cilento, che conta 330 agricoltori e produce alimenti biologici, in un’area di 2.000 ettari sulle colline di San Mauro Cilento e di Pollica, nel Parco Nazionale del Cilento. La cucina del ristorante della Cooperativa sarà ospite di Alce Nero Caffè: alle ore 19.00 si inizia con una degustazione delle produzioni terre del Salernitano, e con un’introduzione all’educazione sensoriale.

Peppino Cilento racconterà l’esperienza degli amministratori pubblici impegnati nella difesa del territorio, della sua bellezza, della storia e della natura, attraverso scelte mirate alla conservazione dei prodotti della biodiversità locale e al riutilizzo degli scarti di produzione a fini energetici, ma anche allo sviluppo economico basato su mestieri puliti e liberi.

Alle 20.30 si prosegue con la cena, preparata dagli chef di Alce Nero Caffè assieme ad una cuoca salernitana, a base dei prodotti della cooperativa “Nuovo Cilento”, per apprezzare il sapore dell’olio del parco nazionale del Cilento su patate a forno, cavatielli con fagioli di Controne, lagane con ceci e cicerchie, baccalà con cicerchia, oltre ai prodotti Alce Nero e ai vini di Libera.