Agricoltori, a Buenos Aires le sfide mondiali

Inserito il 11 marzo, 2014 - 13:27

Si avvicina l’appuntamento con l’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale degli Agricoltori (WFO-OMA) che si terrà a Buenos Aires dal 25 al 29 marzo 2014. Come ogni anno, l’appuntamento sarà l’occasione per riunire circa 100 confederazioni agricole provenienti da 80 Paesi diversi che si incontreranno in Argentina per discutere il futuro dell’agricoltura globale. L’appuntamento annuale dell’OMA sarà ospitato presso la Sociedad Rural Argentina (SRA), l’organizzazione designata ad ospitare l’evento dopo la JA ZENCHU, Central Union of Agricultural Cooperatives in Giappone.
 

Cambiamento climatico, innovazione, sicurezza alimentare, filiera, agricoltura giovanile saranno alcuni dei temi cardine dell’assemblea in cui si confronteranno tra loro le organizzazioni agricole di tutto il mondo, ma non solo. L’evento sarà infatti un’occasione di incontro e confronto tra i maggiori esperti dell’agricoltura mondiale e le grandi organizzazioni internazionali ad essa adiacenti.

Tra gli altri, saranno, infatti, presenti esponenti della Food and Agriculture Organization (FAO), dell’International Fund for Agricultural Development (IFAD), Global Forum on Agricultural Research (GFAR), International Union for the Protection of New Varieties of Plants (UPOV), World Meteorogical Organisation (WMO), Global Research Alliance on Agricultural Greenhouse Gases and Netherlands Water Partnership (NWP), OIE, International Meat Secretariat (IMS),International Institute for the Unification of Private Law (UNIDROIT), International Finance Corporation (IFC).Tra le personalità di spicco anche gli ambasciatori delle Nazioni Unite dell’Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare, Gerd Sonnleitner e Myrna Cunningham, l’ambasciatore USA Dr. Quinn, presidente del World Food Prize.

Ma è attesa anche la presenza del sindaco di Buenos Aires, Mauricio Macri, il direttore generale del WMO (World Meteorological Organization) e molti altri rappresentanti del mondo agricolo internazionale.

A dare il via all’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale degli Agricoltori saranno quattro workshop che tratteranno le seguenti tematiche: il benessere animale negli allevamenti, il miglioramento dei contratti agricoli, i processi innovativi nel settore e i servizi dell’agricoltura legati al clima. I giorni successivi saranno dedicati a sessioni tematiche di approfondimento dedicate al dibattito sul ruolo dell’agricoltura nella filiera alimentare, ai cambiamenti in corso a causa del cambiamento climatico, alla sicurezza alimentare, al ruolo della donna, alle differenze di genere in questo settore e, infine, al rinnovo generazionale nell’agricoltura.

“Come ogni anno – ha dichiarato Marco Marzano, direttore esecutivo dell’OMA – l’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale degli Agricoltori sarà un’importante occasione di incontro per il mondo dell’agricoltura internazionale che, a Buenos Aires, discuterà delle grandi sfide che ci aspettano nel prossimo futuro. Verso quale direzione si sta muovendo l’agricoltura globale, come sta cambiando per far fronte agli effetti del cambiamento climatico, quali strade innovative dovrà percorrere per intraprendere un nuovo rinnovamento e far fronte alla crisi economica: questi alcuni degli argomenti di discussione su cui le organizzazioni agricole saranno chiamate a confrontarsi”.

Ma l’Assemblea Generale di Buenos Aires sarà anche un momento politico fondamentale per l’Organizzazione Mondiale degli Agricoltori che dovrà eleggere un nuovo presidente. La nomina avverrà il 28 marzo e sarà il momento cardine della cinque giorni di Buenos Aires in cui tutti i membri saranno convocati a votare il presidente che succederà a Robert Carlson per i prossimi tre anni.

Per ulteriori informazioni: http://omabs.com.ar/ - www.wfo-oma.org