Adriatico e Stretto di Sicilia minacciati dalle trivelle

Inserito il 26 ottobre, 2015 - 15:27

Greenpeace e il Coordinamento Nazionale della Pesca hanno presentato il 22 ottobre a Roma un manifesto congiunto, che unisce il mondo della pesca e dell’ambientalismo contro la strategia di sfruttamento delle risorse energetiche fossili in mare voluta dal governo.

Le attività di prospezione, ricerca ed estrazione di idrocarburi offshore - facilitate nel proprio iter di approvazione dal cosiddetto decreto Sblocca Italia - rappresentano una grave minaccia per il nostro mare e mettono a rischio la salute e l’integrità degli ecosistemi marini e l’intero comparto della pesca.


Studi scientifici, infatti, dimostrano una pesante riduzione delle catture per numerose specie ittiche, ad esempio in aree soggette a indagini sismiche con airgun (un congegno per le prospezioni marine che fa esplodere una bolla d’aria sott’acqua), con decrementi che possono superare il 50 per cento.

Il Mare Nostrum è un punto caldo di biodiversità marina. Una ricchezza di specie che sostiene un’importante economia ittica particolarmente in aree, come lo Stretto di Sicilia e l’Adriatico, minacciate dalle trivelle. Nel solo bacino Adriatico la produzione ittica si attesta intorno ai 300 milioni di euro l’anno, offrendo lavoro a circa 10 mila persone, alle quali si aggiungono gli addetti del settore dell’acquacoltura e della mitilicoltura.

Hanno presentato il manifesto congiunto Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia e i presidenti del coordinamento pesca dell’Alleanza delle cooperative italiane (AGCI Agrital, Federcoopesca-Confcooperative, Lega Pesca). E’ intervenuto anche Junio Fabrizio Borsani dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).